Frequenza di rimbalzo: 17 tattiche per ridurla e aumentare le conversioni

Gratuitamente

Rimani sempre aggiornato e impara ogni giorno!

Anche tu vuoi imparare a muoverti meglio sul mondo del web, marketing e design? Iscriviti e riceverai contenuti esclusivi.

Indice Mostra

La frequenza di rimbalzo è uno dei rilevatori più importanti delle tue prestazioni di marketing digitale. Nonostante ciò è anche uno dei metri di giudizio più fraintesi.

Meno rimbalzi significa maggiore coinvolgimento e visualizzazioni di pagina, il che si traduce in più conversioni ed entrate.

Una frequenza di rimbalzo molto alta indica problemi con il tuo sito, una deludente esperienza utente, scarsa pertinenza o ulteriori aspetti che inducono gli utenti a lasciare il tuo sito fin troppo presto.

Bene, in questo articolo imparerai tutto ciò che devi sapere su come ridurre la frequenza di rimbalzo e ottenere più conversioni.

Cos’è una frequenza di rimbalzo?

Per dare un senso a cosa sia un rimbalzo, pensalo in questo modo:

Entri in un negozio, ma non appena ti trovi all’interno ti volti e torni fuori.

Non interagisci con l’impiegato, non provi nessuno dei prodotti né dai un’occhiata a nessuna delle offerte pubblicizzate. Semplicemente entri ed esci quasi subito. Insomma “rimbalzi”.

Lo stesso vale per il tuo sito web. Un rimbalzo si verifica quando un utente arriva sulla tua pagina ma non interagisce con nessuno dei suoi elementi e non visita nessun’altra pagina del tuo sito. 

Un rimbalzo può essere causato da:

  • Ritorno ai risultati di ricerca
  • Chiusura dei browser
  • Inserimento di un nuovo URL nella barra degli indirizzi
  • Click su un collegamento esterno
  • Permanenza inattiva (timeout della sessione)
  • Visualizzazione dell’intera pagina senza però interagire con alcun elemento, per poi uscire dal sito web

Quindi un rimbalzo consiste nella visita di una sola pagina, lo stesso Google la identifica così.

A sua volta, una frequenza di rimbalzo è la percentuale di visite di una sola pagina (o sessioni web) sul tuo sito.

Quindi una frequenza di rimbalzo ti dirà quanti visitatori sono rimbalzati rispetto a tutti i visitatori che sono arrivati sul tuo sito per restarci e interagire in qualche modo.

Per aiutarti a comprendere meglio questo concetto, diamo un’occhiata a come Google Analytics calcola le frequenze di rimbalzo.

Come Google Analytics calcola le frequenze di rimbalzo

Google Analytics calcola automaticamente la frequenza di rimbalzo per il tuo sito web e per tutte le tue singole pagine.

Frequenza di rimbalzo - Analitycs
Frequenza di rimbalzo

La frequenza di rimbalzo è una delle metriche più importanti mostrate in vari rapporti all’interno di Google Analytics. Ciò rafforza ulteriormente la sua importanza come uno dei parametri chiave da monitorare.

Ma per aiutarti a capirlo meglio, lascia che ti mostri in che modo esattamente Google presenta questa metrica.

Google calcola la tua frequenza di rimbalzo prendendo sessioni di una sola pagina e dividendole con tutte le sessioni.

Frequenza di rimbalzo - formula

In termini più semplici, Google divide le visite rimbalzate (di una sola pagina) per il numero totale di visite (sessioni) al tuo sito web (o pagina).

Quindi, ad esempio, se hai 352 visite e 254 di esse rimbalzate, la tua frequenza di rimbalzo sarebbe del 72,16%.

254 (numero di rimbalzi) ÷ 352 (numero di visite totali) = 72,16% (frequenza di rimbalzo)

Tieni presente che Google Analytics non mostra esplicitamente il numero di rimbalzi sul tuo sito ma puoi fare semplici calcoli e ottenere il numero esatto.

Tuttavia, la metrica più preziosa rimane la frequenza di rimbalzo, poiché ha importanti implicazioni lato SEO e sul marketing digitale in generale.

Perché dovresti preoccuparti della tua frequenza di rimbalzo 

Come accennato nell’introduzione dell’articolo, la tua frequenza di rimbalzo rappresenta un aspetto chiave del tuo successo nel marketing digitale.

Perché?

Beh, puoi indirizzare un sacco di traffico al tuo sito, ma se quei visitatori non sono coinvolti o controllano altre pagine chiave (di vendita o di prodotto), a cosa serve? A non molto direi. In altre parole, un visitatore rimbalzato non converte, che è l’obiettivo principale del tuo sito.

Ad esempio, se un visitatore arriva su uno dei post del tuo blog ma non si iscrive al tuo lead magnet principale, alla newsletter e non visita le altre tue pagine (come quelle sui prodotti o la pagina generale di vendita), non c’è conversione. Non si ottengono informazioni sui lead né si effettua una vendita.

Pertanto, una frequenza di rimbalzo elevata potrebbe indicare che stai attirando traffico di bassa qualità.

Ciò significa che devi controllare le tue sorgenti di traffico (PPC, SEO, social media, ecc.) E i rapporti sul pubblico per individuare il problema esatto. In fondo non vuoi sprecare risorse rivolgendoti principalmente a visitatori che non hanno intenzione di acquistare.

Ma il problema potrebbe non risiedere nei tuoi visitatori, il collo di bottiglia potrebbe essere il tuo sito web.

Se non riesci a soddisfare le aspettative dei tuoi visitatori, rimbalzeranno!

Ciò può accadere perché la tua pagina di destinazione non è rilevante per i tuoi visitatori e per le loro intenzioni. Non puoi incolpare un visitatore se abbandona il tuo sito dal momento che è alla ricerca di un’assicurazione auto e nel tuo articolo continui a divagare sui tassi di prestito delle auto, per esempio.

Lo stessa cosa accade quando i tuoi contenuti non sono in linea con l’intento dell’utente. Se gli utenti cercano solo contenuti informativi ma parti immediatamente con una presentazione di vendita, aspettati alte frequenze di rimbalzo.

Anche una scarsa esperienza utente, come basse velocità di caricamento, può dar luogo a frequenze di rimbalzo alte. È il 2020 e nessuno vuole aspettare più di una frazione di secondo per il caricamento del tuo sito.

Frequenza di rimbalzo VS posizione organica nella SERP

Infine, una frequenza di rimbalzo elevata può danneggiare la tua SEO. Sebbene non sia confermato come uno dei fattori di ranking di Google, esiste una forte correlazione tra la frequenza di rimbalzo e le classifiche.

Le pagine con frequenze di rimbalzo relativamente inferiori tendono a posizionarsi più in alto nei risultati di ricerca di Google. Questo è comprensibile considerando che la  frequenza di rimbalzo è una componente del tempo di permanenza dei visitatori che ha un impatto importante sulla tua SEO.

Quindi, la frequenza di rimbalzo è un buon indicatore dell’efficacia del tuo marketing poiché può influire sulle conversioni e sulla tua posizione organica.

La prossima domanda logica ora sarà: “Qual è una buona frequenza di rimbalzo?”. Insomma quando la frequenza di rimbalzo è sufficientemente contenuta per poter affermare che il tuo sito è interessante ed utile per gli utenti?

Qual è una buona frequenza di rimbalzo?

Non è una domanda facile a cui rispondere poiché le frequenze di rimbalzo possono variare notevolmente tra i diversi siti web.

Per i siti a pagina singola, le frequenze di rimbalzo elevate sono perfettamente normali poiché naturalmente non ci sono altre pagine da visitare. D’altra parte, per i siti che si basano su utenti che visualizzano più pagine o interagiscono con moduli di registrazione e altri elementi, una frequenza di rimbalzo elevata è negativa.

D’altra parte, non puoi nemmeno aspettarti che il 100% dei tuoi visitatori si converta o interagisca con il tuo sito ogni volta. Quindi alcuni rimbalzi sono all’ordine del giorno, diciamo.

Ma cos’è esattamente una normale frequenza di rimbalzo per il tuo sito web allora?

Non esiste uno standard universale, piuttosto quello che devi fare è confrontare la tua frequenza di rimbalzo rispetto ad altri siti web. Ha senso guardare i benchmark in base a:

  • Tipo di sito web
  • Nicchia di riferimento
  • Canale di marketing
  • Dispositivo

Se i tuoi visitatori rimbalzano troppo, devi agire immediatamente. Trova la radice del problema e risolvilo utilizzando le soluzioni elencate in questo articolo.

Poi, anche se non esiste una soglia universale, fai attenzione alle frequenze di rimbalzo estremamente basse. Sto parlando del 20% o meno. Le possibilità di coinvolgere e convertire più dell’80% dei visitatori sono molto scarse. Quindi è più probabile che le frequenze di rimbalzo inferiori al 20% indichino che non hai configurato correttamente Google Analytics e questo è ciò che compromette i tuoi dati.

Google Analytics mal configurato rovinerà la stima delle tue prestazioni e ti impedirà di ricavare un’immagine realistica di esse. E una frequenza di rimbalzo troppo bassa è un chiaro campanello d’allarme che qualcosa non sta funzionando correttamente.

Prima di passare all’effettivo processo di analisi e riduzione della frequenza di rimbalzo del sito web, controlla se la tua frequenza di rimbalzo è conforme agli standard del settore, confrontala con siti web di tipo simile e altro ancora.

Ora che conosci da vicino le frequenze di rimbalzo, vediamo come analizzarle correttamente con Google Analytics.

Come analizzare la frequenza di rimbalzo con Google Analytics

Quando si tratta di misurare la frequenza di rimbalzo, Google Analytics è il tuo migliore amico. Con Google Analytics puoi monitorare la frequenza di rimbalzo complessiva dell’intero sito, così come per ogni singola pagina.

Tuttavia, è necessario scavare più a fondo per diagnosticare cosa sta causando esattamente il rimbalzo dei tuoi visitatori. Ecco perché dovresti esaminare la tua frequenza di rimbalzo da diverse angolazioni, come:

  • Panoramica del pubblico per verificare la frequenza di rimbalzo complessiva del tuo sito
  • Rapporto sui canali in cui puoi monitorare la frequenza di rimbalzo per ogni canale di marketing
  • Il report “Tutto il traffico” ti consente di confrontare le frequenze di rimbalzo per ciascuna sorgente/mezzo
  • Il report “Tutte le pagine” fornisce dettagli sulle frequenze di rimbalzo per le singole pagine

Ma guarda anche altri rapporti Google Analytics e vedi cosa puoi imparare sulla tua frequenza di rimbalzo.

Detto questo, esaminiamo 5 aree principali che devi ispezionare.

Controlla la tua frequenza di rimbalzo complessiva 

Il punto migliore per iniziare è misurare la frequenza di rimbalzo complessiva. Con Google Analytics trova la panoramica del pubblico in cui vedrai la frequenza di rimbalzo a livello di sito insieme ad altre metriche chiave.

Frequenza di rimbalzo

Puoi anche confrontare le frequenze di rimbalzo in periodi diversi. Seleziona i periodi che desideri confrontare e guarda come cambia il tuo rendimento nel tempo.

Frequenza di rimbalzo comparare date
Seleziona i periodi interessati per compararli

Frequenza di rimbalzo statistiche
Guarda i cambiamenti in base alle date selezionate su analitycs

Ciò è particolarmente utile se apporti modifiche significative al tuo sito o contenuto e desideri misurare come influisce sulla frequenza di rimbalzo.

La frequenza di rimbalzo a livello di sito è ottima ma può essere troppo ampia e non delineare l’intero quadro. Se determini che la tua frequenza di rimbalzo complessiva è troppo alta, devi perforare più a fondo e determinare se è universalmente alta o se c’è una sezione particolarmente problematica che deve essere risolta.

Ispeziona altre aree specifiche come i tuoi canali, sorgenti di traffico, pubblico e persino singole pagine per un’analisi più specifica. Questo ti aiuterà a individuare e risolvere il problema.

Controlla la frequenza di rimbalzo per ogni canale di marketing

Frequenza di rimbalzo per canale di marketing
Frequenza di rimbalzo per canale

Il punto successivo da controllare è il rapporto sull’acquisizione in cui è possibile analizzare la frequenza di rimbalzo per ciascun canale di marketing.

Questo report ti mostrerà quale canale di marketing porta il traffico di massima qualità. 

Allo stesso tempo, il traffico proveniente da annunci display potrebbe avere frequenza di rimbalzo più alta, il che significa che forse c’è qualcosa di sbagliato nel targeting. In questo caso, dovresti anche verificare che i tuoi annunci siano pertinenti ai tuoi contenuti.

O forse le pagine di destinazione necessitano di miglioramenti per renderle più coinvolgenti e ottenere più conversioni.

Puoi andare ancora più in profondità e suddividere ogni canale per sorgente/mezzo.

Frequenza di rimbalzo in base alla fonte specifica
Frequenza di rimbalzo in base alla fonte specifica

Se noti grandi discrepanze tra diverse fonti, devi sapere il perché. Confronta le tue sorgenti di traffico con un buon rendimento con quelle che hanno frequenze di rimbalzo elevate e cerca di capire qual è il problema. Chiediti questo: “Sto prendendo di mira le persone giuste con i contenuti giusti?”.

D’altra parte, se i numeri sono praticamente stabili su tutta la linea, forse il problema non risiede nel tuo targeting, quindi continua a guardare oltre.

Monitora la tua frequenza di rimbalzo su diversi dispositivi/browser

Google Analytics ti consente di monitorare le tue prestazioni in base alla tecnologia utilizzata dai tuoi visitatori. Ciò significa che puoi monitorare la frequenza di rimbalzo su diversi dispositivi.

Accedi al report “Pubblico” e scorri verso il basso fino alla  sezione “Panoramica dei dispositivi mobili” per analizzare le prestazioni su desktop e dispositivi mobili.

Frequenza di rimbalzo per i dispositivi mobili
Frequenza di rimbalzo per i dispositivi mobili

Se vedi una frequenza di rimbalzo elevata su determinati dispositivi, ciò può essere un chiaro indicatore di una scarsa esperienza utente su quel dispositivo. Presta molta attenzione ai dispositivi mobili, se la frequenza di rimbalzo è molto più alta rispetto al desktop, devi ottimizzare il tuo sito per i dispositivi mobili.

Ciò è particolarmente importante poiché Google sta enfatizzando l’indicizzazione mobile-first e una scarsa ottimizzazione può anche danneggiare la SEO e le classifiche.

Tieni traccia della tua frequenza di rimbalzo per diversi segmenti di pubblico

Un’altra area chiave che devi analizzare è come i diversi segmenti di pubblico rispondono al tuo sito e ai tuoi contenuti.

Se stai servendo un pubblico internazionale, vai al report “Pubblico” e controlla la sezione Geo> Posizione.

Frequenza di rimbalzo per paese
Frequenza di rimbalzo per paese

Tieni traccia della tua frequenza di rimbalzo in diversi paesi per misurare come ogni tipologia di pubblico risponde ai tuoi contenuti. Se alcune aree mostrano un basso coinvolgimento, forse è necessario ottimizzare i tuoi contenuti per rispecchiare meglio gli interessi del tuo pubblico di destinazione.

Vale anche la pena osservare la sezione Lingua per controllare le frequenze di rimbalzo per ciascuna lingua.

Ad esempio, se non stai ottenendo un coinvolgimento sufficiente dal tuo pubblico di lingua francese, forse puoi migliorare la loro esperienza utente creando una versione francese del tuo sito. Ciò può ridurre significativamente le frequenze di rimbalzo e aumentare la conversione.

Puoi anche esaminare le frequenze di rimbalzo in base ai dati demografici per vedere come ogni fascia di età o sesso risponda al tuo sito.

Frequenza di rimbalzo per età
Frequenza di rimbalzo per età

Tieni traccia della tua frequenza di rimbalzo per assicurarti che il tuo pubblico di destinazione principale veda contenuti pertinenti e abbia un’esperienza utente ottimale. In questo modo puoi massimizzare il coinvolgimento, aumentare le conversioni e le entrate.

Esamina la frequenza di rimbalzo delle pagine di destinazione principali

Infine, esamina il rendimento delle tue pagine di destinazione principali. Vai ai report sul comportamento e scorri fino alla sezione Contenuto del sito> Pagine di destinazione .

Frequenza di rimbalzo delle pagine
Frequenza di rimbalzo delle pagine

Analizza le frequenze di rimbalzo di ciascuna pagina di destinazione e determina cosa impedisce agli utenti di eseguire la conversione. Chiedi a te stesso:

  • La tua pagina di destinazione è pertinente?
  • L’esperienza utente è coinvolgente?
  • I tuoi CTA (Call To Action) si distinguono e sono convincenti?
  • È abbastanza chiaro quali passaggi successivi desideri vengano eseguiti dagli utenti?
  • Quanto è difficile navigare in altre pagine del tuo sito?

Inoltre, dai un’occhiata al flusso di comportamento per vedere su quali pagine vanno gli utenti dopo la tua pagina di destinazione.

Flusso di comportamento Analitycs
Flusso di comportamento Analitycs

Controlla se i visitatori si stanno dirigendo nella giusta direzione e se quelle pagine sono ottimizzate per le conversioni.

Dopo aver diagnosticato il problema in Google Analytics, è il momento di agire e ridurre la frequenza di rimbalzo.

Come ridurre la frequenza di rimbalzo

Una frequenza di rimbalzo elevata può potenzialmente ostacolare le tue possibilità di successo, quindi è fondamentale analizzare le diverse aree del tuo sito e individuare la causa del problema (come già descritto).

Una volta identificata l’area problematica, è il momento di agire e ridurre la frequenza di rimbalzo. Di seguito sono elencati 17 modi utilizzabili per ridurre la frequenza di rimbalzo e aumentare le conversioni.

Controlla di aver configurato correttamente Google Analytics

Prima di fare qualsiasi altra cosa, verifica che Google Analytics sia configurato correttamente. Se non hai impostato correttamente Google Analytics, potrebbe non acquisire visite rimbalzate sul tuo sito che possono distorcere i risultati e darti una lettura falsata, riportando una frequenza di rimbalzo troppo bassa o troppo alta.

Ci sono tre cose che devi controllare:

  • Codice di monitoraggio di Google Analytics
  • Obiettivi ed eventi
  • Plugin di WordPress

La prima cosa da verificare è se hai installato correttamente il codice di monitoraggio di Google Analytics. Se utilizzi WordPress controlla il tuo plug-in Analytics.

Stato di Analitycs
Stato di Analitycs

Puoi utilizzare il codice fornito direttamente da Google Analytics nel tuo sito web oppure puoi usare un plugin come Rankmath.

Puoi anche controllare nell’area di amministrazione di Google Analytics se riceve traffico dal tuo codice di monitoraggio. Inoltre, puoi inviare traffico di prova e guardare il rapporto in tempo reale per verificare che tutto sia ok.

Vale anche la pena verificare di non avere codici di monitoraggio Google Analytics duplicati. Quindi dai un’occhiata al menu dei plugin e assicurati di avere installato un solo plugin di Google Analytics.

Infine, controlla la  sezione Aspetto> Editor in WordPress e assicurati di avere un solo codice di monitoraggio nel file header.php.

Potresti anche avere un evento importante che desideri monitorare, come una conversione (iscrizione o acquisto tramite email). Ciò può accadere anche se un visitatore ha trascorso una certa quantità di tempo sul tuo sito.

Se l’obiettivo non è configurato correttamente, Google Analytics non sarà in grado di rilevarlo e finirai per vedere frequenze di rimbalzo più elevate di quelle che dovresti. Quindi ricontrolla i tuoi obiettivi per assicurarti che Google Analytics stia monitorando tutti i tuoi eventi importanti.

Tracciamento degli obbiettivi
Tracciamento degli obbiettivi

Infine, controlla gli altri tuoi plug-in per assicurarti che la loro attività non stia attivando Google Analytics.

Ad esempio, un plug-in di chatbox (sebbene utile) potrebbe aprirsi da solo una volta che un visitatore arriva sulla pagina, il che potrebbe indurre Google Analytics a pensare che ci sia stata un’interazione con l’utente. Questo può distorcere la tua frequenza di rimbalzo e vedrai numeri significativamente più bassi di quanto non siano in realtà.

Migliora la leggibilità dei tuoi contenuti

Un motivo molto comune per cui i tuoi visitatori potrebbero rimbalzare è dovuto alla mancanza di leggibilità dei tuoi contenuti.

È tutto legato al modo in cui le persone consultano i contenuti al giorno d’oggi: non leggono, sfogliano.

Se hai grandi blocchi di testo, è difficile per gli utenti dare un’occhiata e vedere se c’è qualcosa su cui vorrebbero leggere di più. Non pubblicare articoli che assomigliano ai tuoi vecchi libri di scienze delle superiori.

Testi troppo lunghi impossibili da leggere
Testi troppo lunghi impossibili da leggere

I tuoi visitatori perderanno presto la concentrazione e passeranno oltre. Per il tuo sito, questo si traduce in una sessione rimbalzata e nessuna conversione.

Piuttosto, pubblica i contenuti tenendo a mente l’importanza della leggibilità, che consente agli utenti di scansionare gli articoli ed estrarre le parti più importanti in pochi secondi.

Riduci la frequenza di rimbalzo creando contenuti in un formato di facile lettura:

  1. Usa i sottotitoli per separare le diverse sezioni del tuo articolo
  2. Scrivi paragrafi brevi e concisi
  3. Includi punti elenco per spiegare passaggi, vantaggi o punti importanti
  4. Suddividi il tuo testo con immagini, grafica e screenshot personalizzati
  5. Usa esempi per spiegare concetti difficili
  6. Inserisci un sommario (cliccabile) all’inizio per consentire agli utenti di passare alla sezione desiderata

Non dimenticare di porre una domanda interessante alla fine dell’articolo per invitare gli utenti a commentare e condividere.

Puoi migliorare la leggibilità dei tuoi contenuti utilizzando l’Analisi della leggibilità nel plugin Yoast SEO oppure anche Rankmath.

Utilizzare solo pop-up con intento di uscita

I pop-up sono uno strumento di ottimizzazione delle conversioni molto efficace. Sono una delle parti essenziali nella tua strategia di creazione di elenchi.

popup sconto
Pop up sconto

Tuttavia, fare troppo affidamento su questa tattica può avere implicazioni negative. Troppi pop-up possono infastidire l’esperienza dell’utente.

Quello che finisce per accadere è che gli utenti rimbalzano perché la maggior parte degli utenti non vuole avere a che fare con continui pop-up che distraggono. Ciò è particolarmente vero per i messaggi di benvenuto che occupano l’intero schermo.

Inoltre, se è troppo difficile chiudere o ignorare il pop-up, è più probabile che gli utenti rimbalzino abbandonando il sito.

Lo stesso vale se usi un linguaggio troppo aggressivo (o comunque prepotente).

Pop-us aggressivi
Pop-us aggressivi

Tuttavia, un’efficace generazione di lead si basa in gran parte sull’uso di moduli pop-up, ma assicurati che non siano invadenti. In effetti, mi ritengo a favore solo dell’utilizzo dei pop-up con intento di uscita, che compaiono non appena l’utente sta per fare clic sul pulsante di uscita.

Molti plugin come Optin Monster ti consentono di aggiungere moduli pop-up con intento di uscita. In questo modo ottieni il meglio da entrambi i metodi: sei in grado di raccogliere informazioni sui lead in modo non intrusivo e i tuoi utenti ottengono un’esperienza senza distrazioni.

Avere CTA convincenti

Ogni pagina del tuo sito ha bisogno di un invito all’azione chiaro e convincente! Non importa se è la tua home page, la pagina di destinazione o la pagina del prodotto, vuoi dire ai visitatori cosa vuoi che facciano dopo.

Questo potrebbe sembrare ovvio, tuttavia, le statistiche effettive sono sbalorditive. Il 70% dei siti web delle PMI non dispone di un invito all’azione.

E questo è un grande motivo per cui molti siti web di piccole imprese hanno frequenze di rimbalzo elevate.

Per ridurre la frequenza di rimbalzo e aumentare le conversioni, è necessario un chiaro invito all’azione che sia facile da individuare al volo.

Call to action button
Call to action button

Invece di lasciare che sia il tuo visitatore a indovinare cosa fare dopo (e rimbalzare), invita gli utenti ad agire con un singolo, chiaro CTA. Un CTA ottimale dovrebbe:

  • Essere prominente: posiziona il tuo CTA all’inizio, nell’area più in alto (non aver paura di ripresentarlo anche in fondo quando ha senso)
  • Farsi notare: usa colori contrastanti e testo in grassetto
  • Essere pertinente: invita gli utenti a compiere il passaggio logico successivo
  • Essere chiaro: dì agli utenti esattamente cosa succederà dopo aver cliccato sul pulsante (scarica un file, richiedi un preventivo, registrati, ecc.)
  • Usare parole di comando: sii sicuro di te e dì agli utenti cosa fare

Inoltre, non confondere i tuoi visitatori con più CTA diversi su una singola pagina. Troppe opzioni rendono difficile per gli utenti decidere quale scegliere, quindi è probabile che non clicchino su nessuna di esse (conseguenza: un altro rimbalzo).

Attira il pubblico giusto con parole chiave target

Un motivo importante per cui la tua frequenza di rimbalzo è troppo alta è che potresti non rivolgerti al pubblico giusto. Puoi anche avere un sacco di visitatori tuttavia, se si tratta di traffico di bassa qualità, non otterrai molto coinvolgimento per non parlare delle conversioni mancate.

Ecco perché la tua frequenza di rimbalzo è un segnale utile che può indicare che l’intero targeting è sbagliato. Anche se hai i migliori contenuti e la migliore esperienza utente, se ti rivolgi al tipo sbagliato di persone non otterrai alcuna risposta positiva.

Vuoi indirizzare il traffico di alta qualità e il modo in cui lo fai è con parole chiave di alto valore. Trova le parole chiave utilizzate dal tuo pubblico ideale per eseguire ricerche su Internet.

Le parole chiave più redditizie hanno un elevato potenziale di traffico e intento transazionale dell’utente.

Formula ottimale parole chiave
Formula ottimale parole chiave

Le parole chiave di successo supporteranno la creazione di contenuti approfonditi e pagine interessanti che porteranno i tuoi visitatori a trascorrerci più tempo per leggerle. E più a lungo si soffermeranno sulla tua pagina, maggiore sarà la fiducia che creerai e maggiori saranno le probabilità che si convertano.

Ma la creazione di contenuti accattivanti attorno a parole chiave di qualità attirerà anche più backlink e aumenterà l’autorità del tuo sito, oltre a migliorare la tua reputazione online.

Scegli parole chiave di elevato valore per creare contenuti ed essere sicuro di attirare il giusto tipo di visitatori. Insomma tutti coloro che sono interessati ai tuoi contenti e che probabilmente si convertiranno in futuro.

Crea contenuti pertinenti: concentrati sull’intento dell’utente

Se ti rivolgi al pubblico giusto e di alta qualità, ma troppi di loro continuano a rimbalzare, il problema potrebbe essere la pertinenza dei tuoi contenuti o la loro mancanza.

Le tue pagine e i tuoi contenuti devono essere super pertinenti alle query degli utenti (o annunci) che li hanno condotti al tuo sito in primo luogo. In assenza di contenuti pertinenti, è quasi garantito che gli utenti rimbalzino.

Se il visitatore si aspetta di leggere di una ricetta di cagliata di formaggio, ma invece la tua pagina presenta formaggio fritto, è scarsa pertinenza. Anche se questi argomenti potrebbero essere in qualche modo correlati, non sei riuscito a soddisfare le aspettative degli utenti, i quali non rimarranno.

Un’altra causa di frequenze di rimbalzo elevate è la mancata comprensione dell’intento dell’utente. Le persone cercano diversi tipi di contenuti a seconda della loro posizione nel percorso dell’acquisto. Esistono quattro tipi distinti di intenti dell’utente:

  • Informativo
  • Navigazione
  • Investigazione commerciale
  • Transazionale
Intento parola chiave
Intento parola chiave – Image source SEO Nick

Per ridurre la frequenza di rimbalzo, assicurati di indirizzare l’intento dell’utente con contenuti pertinenti. Se gli utenti sono nella fase di consapevolezza, alla ricerca di contenuti come guide pratiche, crea un contenuto informativo super pertinente.

Se provi a presentare i tuoi prodotti/servizi in questa fase con contenuti commerciali o transazionali, finirai solo per aumentare la frequenza di rimbalzo.

Ultimo ma non meno importante: non cercare di ingannare il tuo pubblico con titoli clickbait. Sono finiti i giorni in cui le affermazioni eccessivamente promettenti e ridicole e i contenuti falsi funzionavano. Al giorno d’oggi, tutti i clickbait ti porteranno un’elevata frequenza di rimbalzo, un tempo di permanenza basso e una retrocessione nelle classifiche di ricerca.

Ottimizza il tuo sito per i dispositivi mobili

Il traffico mobile è estremamente importante! Infatti, oltre il 57% di tutto il traffico Internet proveniva da dispositivi mobili. E questi numeri stanno crescendo.

Se rilevi in Google Analytics un’elevata frequenza di rimbalzo proveniente da utenti che navigano ai dispositivi mobili, potrebbe essere un segnale che il tuo sito non è ottimizzato per questi ultimi. Per confermare che questo è il problema, utilizza lo strumento di test ottimizzato per dispositivi mobili di Google.

test per dispositivi mobili
test per dispositivi mobili

Se il tuo sito web non è ottimizzato per i dispositivi mobili, devi provvedere quanto prima. Fortunatamente, se sei un utente WordPress, questo non è poi così difficile da fare. Assicurati di utilizzare un tema WP reattivo .

Considera anche l’utilizzo di AMP, che sta per “pagine mobili accelerate” e può aumentare in modo significativo le tue prestazioni sugli smartphone ma è leggermente più complesso di quello che sembra.

Infine, ci sono una miriade di plugin di WordPress che possono migliorare l’esperienza mobile per i tuoi utenti, come ad esempio:

Per ridurre ulteriormente la frequenza di rimbalzo, dai un’occhiata a BrowserStack se il tuo sito è compatibile con tutti i browser più diffusi utilizzati dai tuoi visitatori.

Aumenta la velocità del tuo sito

La velocità di caricamento del tuo sito è più importante che mai, gli utenti si aspettano che una pagina venga caricata in 2 secondi o meno.

Altrimenti, rimbalzeranno e andranno al sito del tuo concorrente.

Tempo di caricamento della pagina web
Tempo di caricamento della pagina web


Più a lungo i visitatori devono attendere il caricamento della tua pagina, più è probabile che rimbalzino. Anche i siti web lenti rischiano di perdere conversioni .

Frequenza di rimbalzo basato sul caricamento della pagina
Frequenza di rimbalzo basato sul caricamento della pagina


E per aggiungere la beffa al danno, Google spinge i siti web a prestazioni lente in fondo nelle classifiche di ricerca. Poiché la velocità di caricamento è fondamentale per l’esperienza dell’utente, Google la utilizza come un segnale di alto livello del sito in questione.

Se stai riscontrando frequenze di rimbalzo elevate che non sono influenzate da nessuno dei fattori sopra menzionati, il colpevole potrebbe essere il caricamento lento del tuo sito. Quindi assicurati di controllare la velocità delle tue pagine utilizzando strumenti gratuiti come Page Speed Insights e GTMetrix .

Ottimizza la velocità del tuo sito anche se hai una bassa frequenza di rimbalzo, un sito web veloce sarà sempre più apprezzato di altri più lenti. Insomma può solo aiutare!

Traduci il tuo sito per il traffico internazionale

Se stai servendo un pubblico internazionale, avere il tuo sito in una sola lingua potrebbe non essere sufficiente. Nonostante la grande popolarità dell’inglese, ci sono ancora molti che faticano ad usarlo.

Inoltre, molti potrebbero preferire una versione localizzata del tuo sito web nella loro lingua madre.

Ciò è particolarmente vero per i paesi del Nord America. Ad esempio, i canadesi hanno due lingue ufficiali: inglese e francese. E se vuoi rivolgerti all’intera popolazione, faresti meglio ad avere una versione del sito web per ciascuna delle lingue utilizzate.

Puoi utilizzare un plug-in WordPress come WPML per migliorare l’esperienza dell’utente e tradurre il tuo sito per un pubblico multilingue.

WPML multilingual per wordpress
WPML multilingual per wordpress

Offrire il tuo sito in lingue diverse in base alla posizione dell’utente è un modo infallibile per ridurre la frequenza di rimbalzo. Quando i visitatori vedono il tuo sito nella loro lingua preferita, è più probabile che rimangano e potenzialmente convertano.

Ottimizza la struttura dei tuoi link interni

Esistono pochi modi migliori (e più semplici) per ridurre la frequenza di rimbalzo rispetto all’utilizzo dei collegamenti interni. I link interni danno struttura al tuo sito e semplificano il collegamento a parti di contenuto pertinenti.

Quindi, assicurati di utilizzare spesso diversi link interni.

Link interni al sito
Link interni al sito


È molto più facile fare in modo che i visitatori controllino più pagine quando includi link interni in punti pertinenti dei tuoi contenuti. Gli utenti non devono guardarsi intorno per ulteriori informazioni perché tutto è a portata di click.

Ma i collegamenti interni non aiutano solo a ridurre le frequenze di rimbalzo, aiuteranno anche i robot di Google a eseguire la scansione e a scoprire le tue pagine dando poi più rilevanza al tuo sito. In più ti proteggerà anche dai contenuti orfani.

Del resto, i link interni ti aiuteranno a stabilire una maggiore autorità per tutto il tuo sito e darti una potente spinta lato SEO.

Questo non vuol dire che dovresti diffondere link interni per il solo gusto di farlo. Non vuoi spammare il lettore con contenuti irrilevanti in tratti dei tuoi testi che non ne necessitano. Ciò potrebbe effettivamente provocare solo un effetto negativo e controproducente.

Piuttosto cerca di non trattenerti mai dall’inserire collegamenti interni tra i tuoi contenuti ogni volta che ha senso farlo.

Puoi utilizzare per esempio Link whisper o se usi Yoast la versione premium per aiutarti a trovare contenuti correlati sul tuo sito che puoi collegare internamente tra loro.

Plugin per aiutarti con i link interni al sito
Plugin per aiutarti con i link interni al sito

Impostare i collegamenti esterni per l’apertura in una nuova scheda

Visto che siamo all’argomento dei collegamenti, un altro modo per ridurre il numero di rimbalzi è aprire i collegamenti esterni in una nuova scheda.

Il collegamento a pagine esterne è una buona pratica comune. Tuttavia, per un’esperienza utente ottimale, si desidera aprire questi collegamenti in una nuova scheda.

Pensa in questo modo, se un utente clicca su un link in uscita nel tuo contenuto e poi fa clic un paio di volte in più, sono essenzialmente a quattro passi dal tuo sito. Ora, se l’utente decide di tornare alla tua pagina, dovrà fare clic sul pulsante “Indietro” quattro volte.


Questo porta a un fenomeno giustamente chiamato “affaticamento del pulsante Indietro“. Succede quando gli utenti devono cliccare sul pulsante Indietro talmente tante volte che diventa così frustrante che gli utenti preferiscono semplicemente rimbalzare altrove.

Fortunatamente, puoi facilmente impostare i collegamenti in modo che si aprano in una nuova scheda in WordPress, selezionando questa casella.

Aprire i link esterni in nuove schede browser
Aprire i link esterni in nuove schede browser

In alternativa, puoi installare un plug-in gratuito come WP External Links ed evitare il fastidio di impostare ciascun collegamento per aprirlo in una nuova scheda, oppure se usi Rank Math o Yoast hanno questa opzioni al loro interno.

Aggiungi post correlati

Analogamente alla strategia di collegamento interno, l’aggiunta di post correlati può aiutare a ridurre la frequenza di rimbalzo. Con i post correlati, i visitatori potranno scoprire facilmente più contenuti e navigare in più pagine del tuo sito.

Ci sono molti modi per farlo, con uno dei modi tradizionalmente popolari che mostra i post correlati nel widget della barra laterale del tuo sito web.

Post recenti
Post recenti

Sono stati fatti molti esprimenti sul design dei siti web ed è stato scoperto che per una migliore esperienza utente spesso è meglio inserire gli articoli suggeriti in fondo al post. Ciò ha senso perché è più probabile che l’utente cerchi articoli correlati una volta terminata la lettura di quello iniziale.

Post correlati all'articolo
Post correlati all’articolo

Posizionare i post correlati in alto, nella barra laterale, può essere disorientante. L’utente potrebbe essere sopraffatto e confuso, non sapendo se leggere questo articolo o magari un altro. Ciò può potenzialmente provocare una visita rimbalzata.

Ma i contenuti correlati non sono solo per i blog, funzionano altrettanto bene se hai un sito di e-commerce.

Prodotti correlati e-commerce
Prodotti correlati e-commerce

Puoi suggerire prodotti correlati e quelli “acquistati spesso insieme” per eseguire operazioni di cross-selling o upselling e rendere le tue transazioni più redditizie.

Fai attenzione agli annunci, ai contenuti a riproduzione automatica e ad altre distrazioni

Molti siti web si affidano alla pubblicità per le entrate. Tuttavia, gli annunci invadenti e fastidiosi possono interrompere seriamente l’esperienza dell’utente e aumentare la frequenza di rimbalzo. 

Il 65% degli utenti bloccherebbe i siti con troppi annunci dai risultati di ricerca, ed è per questo che sempre più persone ricorrono ai blocchi degli annunci.

Annunci che distraggono l'utente
Annunci che distraggono l’utente

Ancora peggio sono i video con riproduzione automatica che ti vengono urlati contro dal nulla. Sfortunatamente, anche i grandi marchi non lo fanno bene.

Quasi l’intera pagina di Forbes è coperta di distrazioni. E se non fosse per il loro noto marchio, questo tipo di UX li costringerebbe presto a chiudere gli affari.

Fai test A/B sulla tua frequenza di rimbalzo per trovare il modo migliore per guadagnare soldi dalla pubblicità e mantenere l’esperienza dell’utente pulita e priva di distrazioni.

Non solo ridurrà la frequenza di rimbalzo, ma aumenterà anche le entrate poiché i visitatori resteranno nei paraggi e visiteranno più pagine (e quindi più annunci).

Mostra credibilità con segnali di fiducia e sicurezza

A meno che tu non sia una delle Fortune 500, non tutti conoscono la tua attività e il tuo marchio. Per evitare i rimbalzi, aggiungi credibilità al tuo sito. Dimostra di condurre un business legittimo di cui le persone possono fidarsi.

Ciò è particolarmente importante per le pagine che sono vicine alle fasi di conversione come le pagine di vendita o di quelle di pagamento . Includi marchi di fiducia e badge per iniettare sana credibilità al tuo sito.

Credibilità e sicurezza per i pagamenti
Credibilità e sicurezza per i pagamenti

I loghi affidabili aiuteranno i tuoi visitatori a sentirsi sicuri di prendere la decisione giusta acquistando da te ed eviteranno rimbalzi inutili.

Un altro modo per aumentare la credibilità è utilizzare un certificato SSL.

Certificato SSL per la sicurezza del sito
Certificato SSL per la sicurezza del sito


Ti aiuterà a ottenere quel badge HTTPS che appare accanto all’URL del tuo sito web. Indica che tutte le comunicazioni tra il tuo sito e il browser dell’utente sono crittografate, il che significa che sono sicure.

Quindi, assicurati di averlo installato dal tuo provider di hosting.

Rendi il tuo sito facile da navigare

La navigazione confusa può essere un altro motivo per cui troppi visitatori rimbalzano e non visitano altre pagine del tuo sito.

I menu di navigazione sul tuo sito e gli inviti all’azione sono parti critiche dell’ottimizzazione della frequenza di rimbalzo. I menu aiuteranno gli utenti a comprendere la struttura del tuo sito e dove si trovano all’interno di quella struttura.

D’altra parte, gli inviti all’azione indicheranno il futuro: quale azione dovrebbe intraprendere un utente in seguito.

Una navigazione ottimale dovrebbe implicare quali sono le pagine più importanti e dove l’utente dovrebbe cliccare successivamente.

La tua navigazione dovrebbe riflettere il comportamento degli utenti e consentire ad essi di trovare facilmente gli elementi che probabilmente cercheranno.

Ma questo ci porta alla domanda: “Come possiamo monitorare il comportamento degli utenti per ottimizzare la navigazione del sito?”

È possibile utilizzare strumenti di mappatura termica come HotJar e CrazyEgg per tenere traccia del comportamento dell’utente.

Mappa di calore per individuare dove gli utenti cliccano
Mappa di calore per individuare dove gli utenti cliccano

Scopri quali aree del tuo sito ottengono il maggior numero di interazioni, dove le persone smettono di scorrere e qual è la percentuale di clic per elementi specifici del tuo sito. I punti rossi indicano un alto livello di attività, mentre il verde e il blu mostrano elementi meno coinvolgenti.

Allo stesso modo, puoi impostare il monitoraggio degli eventi in Google Analytics per ogni elemento del tuo sito.

Questi dati ti aiuteranno a strutturare la navigazione in un modo intuitivo e che incoraggi gli utenti a navigare ulteriormente e a visitare più pagine del tuo sito. Più è semplice, meglio è.

Ridurre i collegamenti interrotti

I collegamenti interrotti sul tuo sito sono un altro repellente che induce molti visitatori a smettere di navigare tra le tue pagine e rimbalzare altrove.

Se gli utenti non riescono a trovare ciò che stanno cercando, ciò crea frustrazione e una cattiva esperienza e, ormai, sai cosa significa: aumento della frequenza di rimbalzo e nessuna conversione.

Col passare del tempo, è inevitabile ottenere alcuni collegamenti interrotti, soprattutto se si hanno centinaia di post e pagine. Tuttavia, vuoi limitare il loro numero e migliorare la tua UX.

Puoi utilizzare il  rapporto sugli errori di scansione di Google Search Console per individuare i link interrotti sul tuo sito.

Google search console per individuare link interrotti
Google search console per individuare link interrotti

Dopo aver identificato i collegamenti interrotti sul tuo sito, scopri come risolverli:

  • Aggiungi un reindirizzamento
  • Sostituisci il collegamento
  • Rimuovilo del tutto

Qualunque cosa tu faccia, assicurati di fornire un’esperienza utente senza interruzioni e i tuoi visitatori rimarranno più a lungo sul tuo sito aumentando le tue possibilità di riscontrare maggiori conversioni.

Avere una pagina 404 utile

Il consiglio finale che ho per te è quello di creare una pagina di errore 404 utile per il tuo sito. Questo è davvero molto importante perché a volte gli utenti atterrano su una pagina corrotta o inesistente del tuo sito e, se non vuoi perderli, devi avere una pagina 404 che sia utile.

Quello che intendo per utile è che la pagina 404 possa offrire opzioni alternative per cui un utente possa continuare la navigazione in modo che non rimbalzi e lasci il tuo sito.

Quanto meno offri una casella di ricerca in modo che gli utenti possano ricercare altri contenuti sul tuo sito. Ma puoi anche includere link a:

  • Pagina iniziale
  • Aiuto
  • Pagina Contattaci
  • Pagine alternative
  • Torna alla pagina precedente (utile se l’utente era già sul tuo sito) 
  • Eccetera

È anche una buona mossa fare affidamento su un po’ di umorismo per alleggerire la situazione, e mostrare che anche tu sei umano e che gli errori capitano a tutti.

Pagina 404
Pagina 404

Se utilizzi WordPress, puoi personalizzare le tue pagine 404 utilizzando un plug-in, anche senza competenze di codifica. Altrimenti, puoi utilizzare il modello predefinito del tuo tema.

L’obiettivo di una buona pagina 404 è impedire agli utenti di rimbalzare fornendo loro informazioni pertinenti e aiutandoli a navigare verso altre pagine che funzionano correttamente.

Conclusioni

La frequenza di rimbalzo è una metrica chiave perché ti dice molto sul tuo marketing digitale, sulla pertinenza e sull’esperienza utente. Tieni d’occhio la frequenza di rimbalzo per assicurarti che sia sempre adeguata.

Troppi rimbalzi possono impedire le tue conversioni e, a volte, anche influenzare la tua SEO.

Sebbene avere una frequenza di rimbalzo elevata di solito abbia una connotazione negativa in alcuni casi è abbastanza normale (vedi i siti web a pagina singola).

Per ottenere informazioni ancora più precise, assicurati di incrociare la tua frequenza di rimbalzo con altre metriche come il tempo trascorso effettivamente sul tuo sito. Questo ti aiuterà a individuare l’esatta area problematica che richiede la tua attenzione.

Spero che ora tu sappia cosa sia una frequenza di rimbalzo, come analizzarla e rilevare i problemi. Usa la mia guida per riuscire a ridurre i tuoi rimbalzi e aumentare il tasso di conversione.

E fammi sapere nei commenti cosa magari ha causato l’elevata frequenza di rimbalzo sul tuo sito e soprattutto come l’hai gestita.

LinkedIn
Facebook
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Full Stack Designer

Nasco con la passione per il Design e il web, fin da molto piccolo questo mondo mi ha sempre incuriosito sviluppando una professione che amo e che voglio condividere.

Gratuitamente

Rimani sempre aggiornato e impara ogni giorno!

Anche tu vuoi imparare a muoverti meglio sul mondo del web, marketing e design? Iscriviti e riceverai contenuti esclusivi.

Articoli correlati