Blogging: 16 abilità essenziali per avere successo

Gratuitamente

Rimani sempre aggiornato e impara ogni giorno!

Anche tu vuoi imparare a muoverti meglio sul mondo del web, marketing e design? Iscriviti e riceverai contenuti esclusivi.

Ci sono alcune abilità di blogging che avrai necessariamente bisogno di sviluppare e rafforzare per avere una chance di far crescere e trarre profitto a lungo termine dal tuo blog. Ma non c’è motivo di spaventarsi.

Che tu stia pensando di aprire un blog per la prima volta o che tu voglia lavorare per far crescere il tuo pubblico esistente, è normale chiedersi se hai tutto quello che ti serve per far crescere la tua attività di blogging. Ti starai infatti chiedendo se hai le giuste capacità di blogging per catturare l’attenzione dei lettori, promuovere i tuoi contenuti e soprattutto guadagnare con il blogging. Sono tutte buone domande.

Per fare blogging è necessaria una sola cosa: scrivere in maniera regolare su un blog. Ma non si tratta di scrivere e basta, bisogna infatti essere in grado di comunicare qualcosa, trasmettere un messaggio o venire incontro a una richiesta. In molti hanno cominciato la propria carriera online proprio allo stesso modo e hanno avuto successo.

Per te che stai cercando di capire quali abilità dovresti avere per raggiungere il successo, la buona notizia è che molte di queste probabilmente già le possiedi e sono quelle che hanno suscitato in te l’interesse per il blogging in primo luogo. Quindi, partendo dal presupposto che tu sia naturalmente abile nello scrivere, possiedi talento per il marketing e hai un’affinità con la costruzione di relazioni, puoi concentrarti su altre abilità che ti permetteranno di fare blogging e di avere successo. Hai solo bisogno di sapere dove concentrare i tuoi sforzi.

Ebbene, questa guida è pensata per te che hai bisogno di concentrarti su ciò che ti manca per arrivare alla tua meta: fare successo con il blogging.

Le abilità di blogging da consolidare

abilità di blogging
Foto di Ketut Subiyanto da Pexels

Mi occupo di blog da non molto tempo ma la mia esperienza comunque mi ha davvero insegnato che queste abilità di blogging sono quelle più pertinenti e adatte al consolidamento di un blog. Non si tratta di un elenco esaustivo di tutte le abilità che un blogger deve avere, piuttosto include le mie scelte riguardo le abilità di blogging fondamentali da padroneggiare per diventare un blogger di successo.

Analizziamole una ad una e tuffiamoci tra le 16 abilità essenziali per fare blogging e avere successo.

1 – La curiosità

Una delle competenze di cui avrai bisogno, probabilmente la più importante, che andrà a beneficio di chiunque consideri il blog come uno sforzo a lungo termine, è la curiosità. In particolare, quando si tratta della nicchia di cui stai scrivendo. Una naturale curiosità per le cose di cui scrivi ti aiuterà sicuramente a rimanere concentrato anche quanto le ore passate a scrivere sono lunghe e le ricompense ancora poche.

Senza questa nel tuo arsenale di capacità di blogging, avrai difficoltà a mantenere lo slancio e superare i tempi difficili che ti attendono. Questo perché i momenti di motivazione non sono sufficienti a sostenere l’impegno a lungo termine necessario per raggiungere una crescita significativa con il tuo blog.

Avrai bisogno di tempo per capire chi è il tuo pubblico di destinazione, identificare le tattiche che possono portarti al successo, aumentare lo slancio creativo tenendo a mente gli interessi del tuo pubblico. La curiosità di sapere sempre di più, di condividere sempre di più e di aiutare meglio il tuo pubblico è essenziale tra le abilità di blogging che dovrai sviluppare per avere successo.

blogging curiosità
Foto di Ketut Subiyanto da Pexels

Vuoi sapere qul è il modo per mantenere alti l’interesse e la curiosità del pubblico del tuo blog? Scegliere una nicchia specifica che ti entusiasma per passare il tempo ed esplorare e che sai che ti appassionerà nel futuro.

Cerca una nicchia che idealmente soddisfi questi criteri che sono necessari per aiutarti a mantenere una curiosità a lungo termine:

  • Scegli un’area tematica di cui hai buona esperienza
  • Opta per un argomento che sia abbastaza interessate da tenerti impegnato nei giorni futuri.

Solo se l’argomento di cui stai scrivendo ti piace davvero il tuo interesse riuscirà a mantenersi alto in futuro. Hai bisogno di una spinta interna per continuare a imparare e che sia sostenibile nel tempo.

2 – Priorità

Molti blogger sono motivati e curiosi, trovano la loro nicchia e aprono il blog con wordpress e cominciano a pubblicare. Poi si mettono in mezzo gli impegni e la realtà, e le cose si calmano.

Il lavoro a tempo pieno, i coniugi, i figli, e il tempo per il lavoro nel blog diventa sempre più raro. Poi succede che scrivono delle cose non programmate, che non ci sia tempo per promuoverle, e di conseguenza le entrate tardano ad arrivare. Ben presto, il blog diventa la priorità più bassa fino a sfumare definitivamente.

Foto di cottonbro da Pexels

La realtà è che se non crei il tempo e lo spazio all’interno del tuo programma per dedicare tempo al tuo blog, anche i progressi rallenteranno. Questo è uno dei principali errori di blogging che porta a rinunciare al tuo blog troppo presto anche quando avresti potuto avere una potenziale di crescita.

La soluzione? Crea dei blocchi di tempo all’interno della tua giornata, della settimana o del mese, e struttura un piano, magari con l’utilizzo di Google Calendar. Inserisci i tuoi impegni in ogni blocco e assegna del tempo per il tuo blog. Non dovrai togliere del tempo alle cose come famiglia e divertimento, semplicemente significa dover dare delle priorità. Magari dovrai guardare meno Netflix la sera o alzarti un po’ prima la mattina, i blogger che organizzano prima il loro tempo saranno in grado di raccogliere prima i frutti del loro lavoro. È matematico.

3 – Disciplina

Si tratta di un altro lato caratteriale che va di pari passo con la curiosità e la priorità. Senza la disciplina potresti aver programmato il tuo orario di lavoro per il tuo blog, ma non sarai in grado di attenerti alla tua agenda. Tutta la pianificazione del mondo non può tenenerti sulla strada giusta se non rispetti gli impegni che hai preso per far crescere il tuo blog.

Evita le distrazioni, disconnetti Facebook e pratica l’autodisciplina. Se proprio non è il tuo forte, prova queste cniche:

  • Piccole modifiche. Inizia scrivendo uno o due post a settimana utilizzando i migliori strumenti SEO. Pian piano aggiungi piccole parti al blog, tipo le pagine di destinazione o il lancio di una newsletter, poco per volta.
  • Sii felice di quello che fai. Trovare la gioia nel tuo lavoro ti permette di essere disciplinato. Questo risale alla scelta della nicchia del tuo blog: trova qualcosa che ti interessa davvero.
  • Non contano solo gli obiettivi ma le abitudini intelligenti. Piccoli cambiamenti di abitudini possono portare le persone a essere più produttive. L’idea è che amare il processo e concentrarsi su di esso è meglio che concentrarsi solo sull’obiettivo stesso.

4 – Scrittura

Questa sembra abbastanza ovvia, ma avrai bisogno di un certo livello di competenza. Non lasciarti intimidire! Anche solo una buona base può portarti lontano. Non è necessario essere uno scrittore esperto, un giornalista o copywriter. Quello che dovrai fare è sfruttare la forza del marketing. Essere sempre in grado di guidare il pubblico verso quello che vuole ha sviluppato in me la curiosità di sviluppare le mie competenze di scrittura.

Foto di Tatiana Syrikova da Pexels

Come blogger avrai bisogno di sviluppare un certo tipo di scrittura: la scrittura di internet. Quando scrivi in internet devi ricordarti di mantenere i tuoi contenuti facili da leggere. Tutte le persone che fanno una ricerca in internet non cercano risposte complicate. Per rendere la tua scrittua più adatta a internet, usa queste best practice:

  • Utilizza intestazioni e sottotitoli per suddividere le tue idee
  • Dividi i paragrafi in paragrafi più piccoli per una migliore leggibilità
  • Usa immagini e grafici per rendere la tua scrittura più interessante anche visivamente
  • Sfrutta la formattazione, gli elenchi puntati, le citazioni in blocco e i divisori di sezione

L’organizzazione del contenuto è tutto. Ecco alcuni suggerimenti su come organizzare un buon contenuto:

Scrivi una introduzione che prepari all’articolo, successivamente inserisci un indice navigabile che consente ai lettori di passare direttamente alla sezione alla quale sono interessati. Puoi anche inserire un menù laterale che scorre insieme al testo che permetta di raggiungere la sezione interessata. All’interno inserisci delle informazioni che possono essere utili, potrebbero distrarre dall’articolo principale quindi inseriscili dentro a schede a discesa comprimibili.

5 – Marketing

Non tutti sono esperti di marketing per natura, è necessario quindi imparare a promuovere il proprio blog da zero. Le abilità di marketing sono molto utili per i blogger, ma non esiste un manuale rigido da seguire. Molto spesso le abilità di marketing si riducono a dei test che possano dimostrare cosa funziona meglio nel blog. Ciò che funziona per un blogger di una particolare nicchia non funziona per un altro e questo accresce le tattiche da usare.

Ecco qui alcune delle migliori idee di maketing per blog che possono darti un punto di partenza per iniziare a commercializzare i tuoi contenuti, ricorda che ci vorrà anche molta sperimentazione prima di trovare la tattica adatta a te.

  • Impara a usare i Social Media perché ti permettono di connetterti con tante persone e puoi usarli per fare rete e per conoscere di più sulla tua nicchia. Scegli la piattaforma che più ti piace e concentrati su quella.
  • Crea un bel layout per il tuo blog. Parte del marketing per il tuo blog consiste nell’avere qualcosa di commerciabile. Fai in modo che il blog sia pulito, professionale e attraente, così potrai ricevere condivisioni.
  • Sviluppa una conoscenza base della SEO, anche se lo vedremo in seguito, l’ottimizzazione per i motori di ricerca è uno dei migliori strumenti che puoi possedere.
  • Fai Networking. Ossia fai rete nella tua nicchia e cerca di convincere le persone giuste a guardare i tuoi post.
  • Semplifica la condivisione dei contenuti da parte degli utenti.
  • Prova il guest blogging, è un ottimo modo per fare rete.
  • Includi l’e-mail marketing nel tuo piano di marketing
  • Differenziati dalla concorrenza. Sicuramente non sei l’unico a scrivere nella tua nicchia e questa è una buona cosa perché puoi sempre imparare dalla concorrenza.

Il marketing è l’attività di blogging che verranno continuamente sviluppate, testate e rafforzate con il tempo.

6 – Networking

Quando si parla di blog, questa attività non viene subito in mente. Eppure, la capacità di costruire relazioni è essenziale per creare una comunità e imparare dagli altri che sono arrivati prima di te, così potrai sempre migliorare il tuo blog.

Blogging: fare networking
Foto di Anna Shvets da Pexels

Trovare modi vantaggiosi per collaborare con altre persone della tua nicchia è essenziale per far crescere il pubblico e il brand personale nel corso del tempo. Ecco alcuni modi che potranno esserti d’aiuto:

  • Parlare alle conferenze indirizzando il pubblico al tuo blog è un buon modo per farsi conoscere.
  • Trova un podcast in cui fare un’ospitata. I podcast sono molto ascoltati e ti aiutano a diventare popolare.
  • Unisciti alle persone della tua nicchia in rete, nei forum per esempio, oppure sui Social.
  • Ospita qualcuno che sia influente nella tua nicchia.
  • Contatta le persone che hai menzionato nei post del tuo blog e fagli sapere che li hai citati.
  • Lascia i commenti sui blog di altre persone.

Il Networking è molto gratificante, dovrai solo sforzarti di uscire dalla tua comfort zone e incontrare persone nuove aprendoti al confronto.

7 – La pazienza

Piaccia o no la stragrande maggioranza di blogger impiegherà diversi mesi o più di un anno per iniziare a guadagnare un reddito decente dal proprio blog. La pazienza è un’altra abilità di blogging più importanti.

Ci viuole dedizione per seguire la strada e sperimentare nuovi modi per indirizzare persone al tuo blog e la crescita non è facile, fino a che non raggiungi un punto di svolta significativo. La pazienza è la chiave per resistere a lungo prima che si possa iniziare a raccogliere i frutti del lavoro. Anche se l’articolo che posti oggi potrebbe iniziare a raccogliere pubblico mesi dopo, non scoraggiarti. Il blogging richiede una grande quantità di lavoro iniziale, ma la gratificazione arriva sempre, anche se un po’ in ritardo.

8 – Gestione di WordPress

Hai moltissime risorse per imparare anche se sei agli inizi, con procedure dettagliate, video, forum e tutorial. Mentre stai partendo con la creazione del tuo blog ci sono alcune cose che è necessario che tu conosca riguardo a WordPress. Dovrai scegliere un dominio e un hosting, dopodiché selezionare il tema di WordPress giusto e imparare a usare i plugin.

Saper usare wordpress per il blogging
Foto di OVAN da Pexels

A questo punto potrai scrivere i tuoi primi post e imparare a caricare le immagini e poi pubblicare. Per ogni altra necessità, puoi seguire questa guida.

9 – Conoscenza di base dell’HTML

Non spaventarti, imparare un po’ di codice non è un problema e ti tornerà sicuramente molto utile. Avere una conoscenza base dell’Hypertext Markup Language ti permette di trasformare un testo normale in qualcosa di nuovo e diverso. Puoi aggiungere intestazioni, sottotitoli, grassetto e molto altro.

Per accedere alla versione HTML di un post sul blog seleziona “Testo” in alto a sinistra all’interno del tuo editor. Vedrai così apparire il testo HTML. Questa visione ti permetterà di correggere errori che si presentano nella parte visibile, e se qualcosa non appare come vorresti nell’anteprima del post potresti volerlo modificare in HTML. Basta cercare su Google le personalizzazioni da apportare ti sorprenderà sapere quante cose potrai fare.

Esempi di HTML utili per la tua attività di blogging:

  1. Link nofollow. Uno di questi ti consente di aggiungere link all’interno del testo senza passare l’autorità della pagina attraverso quel link. Ad esempio, se usi il link di un sito competitivo non vorresti farlo per aiutarlo a salire nel ranking. Per questo dovresti rendere quel collegamento un nofollow. Per farlo, vai all’editor di testo in WordPress e trova il collegamento, dopodiché Aggiungi rel=”nofollow” al tag attributo al testo del collegamento.
  2. Titoli HTML. Puoi utilizzare HTML per modificare le dimensioni delle intestazioni. Questo è un esempio di intestazione in HTML: <h5> Heading </h5> di solito vanno da H1 ad H6 e cambiano la loro grandezza in maniera proporzionale.
  3. Hypertext link. I link all’interno di HTML iniziano con il tag <a> seguito dall’attributo href.

Questo naturalmente è solo un piccolo assaggio di quel che potrai fare con l’HTML aggiungendolo alle tue capacità di bogging. Apprendere il funzionamento interno del tuo blog può apparire piuttosto divertente e averne una conoscenza base può aiutarti a risolvere piccoli errori.

Non preoccuparti in generale con WordPress puoi fare tutto ciò senza conoscere alcun codice, ma imparare queste piccole cose spesso ti portano capire determinate logiche, per esempio come viene strutturato un articolo per la SEO.

10 – Capire la SEO

Comprendere anche solo le basi della ottimizzazione in ottica SEO può risultare fondamentale quando inizi a bloggare ed è il modo più efficace di iniziare a inviare traffico organico al tuo blog. Ecco quali sono i passaggi fondamentali per risultare tra i primi risultati di Google.

  • Ricerca le keyword. In questo modo puoi scoprire quante persone stanno effettivamente cercando quelle parole, la ricerca ti aiuta a scegliere quelle giuste da utilizzare lungo tutto il post. Cerca parole chiave con una bassa concorrenza, oppure keyword a coda lunga con cui sarà più facile posizionarti in ranking.
  • Capire l’intento di ricerca. Pensa a ciò che le persone reali ricercano, a volte si tratta di vere e proprie frasi e ormai sono quasi tutte delle domande. Lo scopo del tuo blog è quello di fornire una risposta alle loro domande, una risposta chiara e diretta che ti aiuterà ad essere trovato.
  • Scrivi un titolo accattivante. Un titolo ben scritto può catturare indubbiamente molti lettori e incoraggiare i clic rispetto ai concorrenti quando visualizzano la SERP. Il titolo è l’opportunità di raccontare ciò che il post del blog andrà a spiegare.
  • Scegli URL intelligenti. L’URL è la parte del permalink univoco per quel post. Precisamente è la parte che viene subito dopo lo slash / successivo al tuo nome di dominio. Fai in modo che sia breve e che contenga le parole chiave.
  • Scrivi SEO rich meta-description. La meta descrizione compare direttamente sotto il titolo del tuo post e sotto l’URL. Si tratta di poche righe esplicative che sono essenziali e dovrai renderle il più possibile SEO-Friendly.
  • Ottimizza le immagini. Google non sa automaticamente quali sono le tue immagini quindi dovrai aiutarlo tu usando il testo alternativo per renderle più facilmente identificabili.
  • Usa i link per aumentare le classifiche SEO. È importante utilizzare link interni per far capire a Google la struttura del tuo sito, in questo modo gli suggerisci che un particolare articolo è correlato a quello che stai scrivendo.
  • Usa i tag corretti. H1 o intestazione 1 dovrà essere utilizzata una sola volta. Usa H2 per gli argomenti più importanti all’interno dell’articolo. Gli altri dovrebbero essere utilizzati per suddividere i paragrafi all’interno.

Quello che ti ho illustrato è ancora una volta solo la superficie di tutto ciò che dovrai imparare. Ma se lo farai bene, vedrai i tuoi contenuti iniziare a funzionare.

11 – Trova e impara dal tuo pubblico

Saper trovare il pubblico di destinazione è una vera e propria arte. Se non conosci qual è il tuo pubblico di destinazione risulterà difficile commercializzare i contenuti del tuo blog e non imparerai mai da loro.

L’ideale sarebbe fare una ricerca a tappeto e scoprire sempre di più sulla tua nicchia. È un argomento di cui sei già esperto, quindi avrai l’opportunità di parlare con loro, scherzare e capirli. Cerca sempre più cose all’interno della nicchia che ti sei scelto, magari individua le loro difficoltà o semplicemente quello che vogliono. I Social media, i forum, sono i canali giusti dove documentarsi sui loro interessi e bisogni.

donne in riunione blogging
Foto di RF._.studio da Pexels

Ultime cose da fare: studia i competitor e impara, e soprattutto, non smettere mai di aggiornarti. Ascolta podcast e video YouTube, resta sempre sul pezzo e non perderti nulla. La capacità di connettersi con il tuo pubblico è tua ed è innata.

12 – La ricerca

Scrivi di ciò che già conosci, è vero. Scrivere sulle proprie esperienze potrebbe essere molto di impatto e soprattutto facile. Ma non bisogna mai sottovalutare l’importanza di una buona ricerca per fornire un contenuto sempre completo e accessibile.

research for blogging
Foto di Element5 Digital da Pexels

Anche se sei esperto del tuo settore, credimi, non si smette mai di imparare. La ricerca approfondita è un metodo efficace di scendere nel profondo di un argomento e risultare sempre unici.

Controlla i fatti

Su internet non è tutto sempre necessariamente vero. Magari quello che hai letto su un determinato argomento non lo è più. Per questo, prima di prendere un’informazione per buona si dovrebbe procedere a più controlli. Considera che su internet molte informazioni girano per necessità di clic e non perché siano fondate. Far girare false informazioni non porta veri benefici al tuo blog. Pensaci e farai uno sforzo extra per scavare un po’ più a fondo.

Trova le risposte

Le informazioni sono là fuori, devi solo sapere dove cercarle. Prova a seguire gli esperti online, siti web autoritari che trattano anche di quello che stai scrivendo. I podcast e YouTube, se usato bene, è un altro ottimo strumento per comprendere bene un argomento di cui vuoi parlare ma che risulta abbastanza complesso. Un’altra idea potrebbero essere le newsletter del settore, che ti tengono costantemente aggiornato su argomenti di attualità. I libri restano un’ottima fonte di informazioni. Le risposte utili si possono trovare sia online che offline, anche parlando con le persone che conosci o facendo domande a esperti.

Tieni traccia della tua ricerca

Prendi sempre appunti utili per risalire a ciò che hai trovato facilmente e per poter consolidare la tua scrittura. Inizia sempre con la sicurezza di aver capito ciò che stai per dire. Aggiungi collegamenti alla tua struttura, sia per ulteriori letture che per tornare a te stesso. L’aggiunta di collegamenti sarà necessaria anche a te in seguito.

13 – Gestione finanziaria

La maggior parte dei blogger non è contabile o professionista finanziario. Se lo sei, puoi saltare questo passaggio. Per sviluppare questa abilità ci vuole tempo, l’idea che devi mantenere è che vuoi portare più soldi di quelli che stai usando. Alcuni modi per gestire le tue finanze all’interno del blog riguardano proprio le spese. Il primo passo per padroneggiare un blog è poter avere tutto a disposizione e questo prevede dei costi che dovrai tenere sotto controllo. Un PC, la connessione internet, il dominio, l’hosting, sono solo gli elementi base.

Mentre il tuo blog cresce potrai iniziare a utilizzare nuovi strumenti, come quelli di analisi premium per la ricerca del pubblico, o quelli per la SEO. Vorrai poter avere plugin aggiornati e un tema WordPress che sia premium, insomma, un blog può fisicamente costarti parecchio, per non parlare dei costi pubblicitari.

Tieni registri finanziari affidabili delle entrate e delle uscite e fai dei rapporti. Se non altro, sviluppare questa routine ti terrà disciplinato e responsabile.

Un’idea per non incorrere in troppe spese e poche entrate è trovare più fonti di reddito, come ad esempio Google Ads, i programmi di affiliazione e le partnership. Oppure inizia a vendere i prodotti direttamente sul tuo blog, con un e-commerce collegato.

Non dimenticare di pagare le tasse sulla tua attività di blogging. Se sarai bravo nell’organizzazione e userai una semplice contabilità potrai non sentire la frustrazione di molti blogger quando si tratta di pagare le tasse. Pensa che quando la tua attività di blogging avrà raggiunto vette considerevoli, potrai assumere un contabile.

14 – Impara a capire le analisi

Ogni blogger che si voglia dire tale, controlla l’analisi del suo sito, in maniera costante. Le analisi sono un ottimo modo per vedere il rendimento del tuo sito web, dei canali Social e delle campagne di e-mail marketing.

Magari all’inizio le informazioni che Google Analytics ti propone possono sembrare confuse, ma ti spiego in breve alcuni termini di analisi in modo che tu possa capirli la prossima volta che ti approcci con lo strumento di analisi:

  • In tempo reale: ti mostra dove si trovano le persone in quel momento sul tuo blog. Puoi vedere anche da dove provengono e quale sorgente di traffico hanno utilizzato per approdare sul tuo blog.
  • Pubblico: qui hai una panoramica con le informazioni circa gli utenti, il numero, i nuovi utenti, le sessioni, la frequenza di rimbalzo e altri dettagli. Sei tu a decidere a quale momento riferirti.
  • Acquisizione: essenzialmente da dove vengono le persone che raggiungono il tuo blog, se p dal traffico organico, diretto o Social media. Da qui puoi vedere quale tipo di marketing funziona meglio per te.
  • Comportamento: ti dice quali pagine sono state visitate, le visualizzazioni delle pagine, le pagine uniche, e altro ancora.
  • La frequenza di rimbalzo: è il numero di pagine che una persona visita quando è nel tuo blog. Una frequenza di rimbalzo eccellente è compresa dal 26 al 40%. Una frequenza di rimbalzo del 100% significa che la pagina è stata visitata prima di uscire dal blog.

Google ha anche lanciato Google Analitycs 4 che inizialmente può sembrare molto simile a Google Analitycs Universal ma in realtà è abbastanza diverso, prossimamente pubblicherò un articolo al riguardo.

Altri strumenti per l’analisi web

Ci sono molti altri strumenti che puoi utilizzare per avere un’analisi delle tue performance, ad esempio Tableau, che semplifica la comprensione dei dati. Con Google Search Console puoi monitorare il volume delle tue parole chiave e Sprout ti dà la possibilità di analizzare ciò che funziona e non funziona suoi tuoi Social e porvi rimedio.

15 – Flessibilità

Avrai bisogno di adattamento e di cambiare direzione; dovresti essere pronto a cambiare le strategie che non funzionano e seguire il cambiamento. Internet è un mondo frenetico, sii disposto a cambiare spesso. Ecco alcuni modi per diventare più flessibili all’interno della tua attività di blog:

  1. Prova gli A/B test. prova diverse idee e trova la strategia più efficace.
  2. Segui i trends. Sii il primo a sapere se succede qualcosa di grande nella tua nicchia, usa i Google alerts per restare aggiornato su tutto.
  3. Segui le analisi. Segui le analisi che abbiamo visto su, correggi dove è possibile e crea l’esperienza migliore per i tuoi utenti.
  4. Sii onesto con te stesso. Molti non si rendono conto degli sbagli che fanno o se hanno cambiato approccio e hanno dei risultati diversi. Prova ad avere una seconda opinione.

Tieni presente che tutto cambia e si evolve continuamente, la natura del tuo business deve seguire la tua capacità di adattarti e di non farti trovare impreparato.

16 – L’umiltà

Le abilità di questo tipo ti sembrano strane e poco importanti, ma fidati, cose come l’umiltà, la flessibilità e la pazienza, non si possono imparare facilmente. Al contrario, potrai acquisire tutte le capacità tecniche che vuoi e perfezionarle, ma queste sono quelle piccole cose che fanno la differenza per la crescita del tuo blog.

Quando pubblichi qualcosa, le persone si metteranno in contatto con te e avranno delle loro opinioni. Queste persone possono essere anche molto scontrose e decise nelle loro idee, l’importante è che tu riesca sempre ad avere fiducia in te stesso e che riesca a superare la negatività.

Rispondere in maniera rispettosa è importante, così come calmare i toni e tranquillizzare le cose. L’umiltà però è la caratteristica che ti consente di non smettere mai di imparare, sia dai  lettori che dagli esperti della tua nicchia.

LinkedIn
Facebook
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Full Stack Designer

Nasco con la passione per il Design e il web, fin da molto piccolo questo mondo mi ha sempre incuriosito sviluppando una professione che amo e che voglio condividere.

Gratuitamente

Rimani sempre aggiornato e impara ogni giorno!

Anche tu vuoi imparare a muoverti meglio sul mondo del web, marketing e design? Iscriviti e riceverai contenuti esclusivi.

Articoli correlati