7 errori sulla tua campagna Google Ads che potrebbero costarti caro!

Google ads 7 errori da non fare

Gratuitamente

Rimani sempre aggiornato e impara ogni giorno!

Anche tu vuoi imparare a muoverti meglio sul mondo del web, marketing e design? Iscriviti e riceverai contenuti esclusivi.

Ti sei mai chiesto se hai delle lacune rilevanti all’interno delle tue campagne Google Ads che magari ti stanno costando denaro?

Ci sono molte impostazioni e funzionalità nascoste che probabilmente stanno sprecando il tuo budget impedendoti di avere campagne più redditizie.

Ecco perché così tante persone cercano in tutti i modi di rendere profittevole il traffico a pagamento!

Non sarebbe bello conoscere gli errori più comuni in modo da poter aumentare drasticamente il ROI?

In questo articolo analizzerò i principali errori che è facile commettere e come risolverli!

Errore comune n. 1: impostazioni e dimenticanze

campagna-google-ads

Ci vuole molto impegno per impostare le campagne su google ads, dalla ricerca di parole chiave al testo pubblicitario, alle pagine di destinazione, al monitoraggio e altro ancora.

È facile pensare che il lavoro sia finito dopo che la tua campagna è attiva e funzionante, ma questo è solo l’inizio!

Hai bisogno di un processo di ottimizzazione in più fasi.

In effetti, ci sono un numero illimitato di ottimizzazioni che puoi fare per le tue campagne!

Ecco 3 aree principali su cui concentrarti solo dopo il lancio delle tue campagne:

Monitoraggio giornaliero:

Ti consigliamo di controllare quotidianamente le tue campagne e cercare eventuali comuni problemi, tra cui:

  • Grandi aumenti del CPC (costo per clic)
  • CTR bassi
  • Campagne a bassa conversione
  • Grandi aumenti di clic
  • Termini di ricerca irrilevanti
  • Parole chiave senza conversione

Sono necessari controlli giornalieri per vedere se sta succedendo qualcosa di strano: meglio tenere tutto monitorato con costanza, dopotutto stai spendendo soldi per la tua campagna ogni giorno.

Ottimizzazione delle prestazioni della campagna di google ads:

Ti consigliamo di adottare un approccio in più fasi all’ottimizzazione della campagna, tra cui:

  • Disattivare la conversione delle parole chiave nei propri gruppi di annunci per aumentare il CTR
  • Creazione di un nuovo testo pubblicitario per lo split test
  • Applicazione di parole chiave a corrispondenza inversa ai gruppi di annunci per assicurarti che il tuo annuncio più pertinente venga pubblicato

Questi possono essere eseguiti su base giornaliera o settimanale man mano che si ottengono più dati.

Strategia e scalabilità della campagna:

Ogni mese puoi dare uno sguardo più ampio a cosa sta funzionando e cosa no e prendere decisioni sulla tua strategia. Maggiore è il budget con cui lavori, più velocemente sarà possibile farlo.

Non vuoi ottimizzare le campagne troppo presto prima di avere dati sufficienti, ma non vuoi che fattori non performanti continuino a spendere inutilmente i tuoi soldi.

Ecco alcune cose su cui concentrarti durante il ridimensionamento:

  • Espandere gli elenchi di parole chiave dopo aver ottenuto un buon set di conversioni
  • Impostazione di nuove campagne in base alle prestazioni
  • Prova nuovi tipi di campagna e strategie di offerta

Utilizzando un approccio multiforme, puoi ottimizzare continuamente le tue campagne dopo il lancio.

Errore comune n. 2: non utilizzare parole chiave a corrispondenza inversa

keywords a corrispondenza inversa

È importante comprendere la differenza tra “Parole chiave” e “Termini di ricerca”.

Le parole chiave sono parole o gruppi di parole che puoi scegliere come target su Google Ads.

Ma quando la maggior parte delle persone effettua una ricerca, la maggior parte delle volte non digita solo la parola chiave per cui stai pubblicizzando la tua offerta.

La maggior parte delle ricerche è invece a “coda lunga”, ovvero tutti i tipi di varianti che possono includere la parola chiave per cui stai facendo offerte.

Ad esempio, potresti fare un’offerta per “dischi in vinile” relativa alla tua attività.

Sarebbe un’ottima parola chiave per fare offerte visto che vendi vinili, giusto?

Bene, qualcuno potrebbe effettivamente digitare:

“Dove posso sbarazzarmi dei miei vecchi dischi in vinile” o “Convertire in digitale i vinili”

Entrambe queste ricerche contengono la tua parola chiave, ma l’utente chiaramente non sta cercando di acquistare nuovi vinili!

Prima di impostare le campagne di google ads, puoi cercare parole chiave non pertinenti e aggiungerle a un elenco di parole chiave a corrispondenza inversa prima ancora del lancio.

Queste parole chiave indicheranno a Google per quali ricerche non vuoi essere visualizzato, quindi non sprecherai soldi per termini di ricerca non pertinenti!

Il tuo elenco di parole chiave a corrispondenza inversa può anche aiutarti a migliorare la pertinenza del gruppo di annunci e a risparmiare denaro da clic indesiderati.

In questi casi si parla di “pre-ottimizzazione” ed è un passaggio cruciale!

Questo perché potrebbe farti risparmiare un sacco di soldi prima ancora di iniziare le tue campagne.

Siccome l’ottimizzazione per i motori di ricerca è un tema molto ampio ti consiglio di leggerti il mio articolo riguardo alla SEO per avere una visione d’insieme molto più chiara e dettagliata.

Errore comune n. 3: non utilizzare il rapporto sui termini di ricerca

rapporto sui termini di ricerca

Quindi ora sai che le persone effettuano ricerche principalmente con frasi a coda lunga e che molte ricerche potrebbero essere irrilevanti.

Come fai a sapere quanto ti stanno costando i termini di ricerca effettivi?

Beh, grazie al rapporto sui termini di ricerca!

Una volta entrato nel tuo account su Google Ads, vai su Campagne → Parole chiave → Termini di ricerca.

Questi sono chiamati termini di ricerca (o query di ricerca) perché queste sono le cose che effettivamente le persone stanno cercando e che attivano la visualizzazione del tuo annuncio.

Questo rapporto nascosto mostra tutte le cose che le persone stanno cercando e che stai pagando quando fanno clic sui tuoi annunci.

Potresti trovare un sacco di fantastiche parole chiave che puoi travasare nei loro gruppi di annunci molto specifici, oppure potresti trovare parole chiave che desideri eliminare perché ti stanno costando troppo!

Il tuo rapporto ti fornirà anche informazioni sui modi per comprendere meglio il tuo pubblico, soddisfare il testo dell’annuncio, le pagine di destinazione e le parole chiave per essergli il più possibile utili.

Errore comune n. 4: strategie di offerta non ottimali

strategia-di-marketing

Ci sono buone probabilità che tu abbia impostato la tua campagna con una strategia di offerte automatiche.

Perché? Perché queste sono le impostazioni predefinite di Google e Google è una piattaforma pubblicitaria. È così che fanno i soldi.

Ma il problema è che questo consente a Google di fare tutto ciò che vuole per le parole chiave a cui stai mirando … e lo farà!

Per verificare se la tua campagna è automatizzata o manuale, segui questi semplici passaggi.

  1. Accedi al tuo account Google Ads
  2. Clicca sulla tua campagna
  3. Clicca su impostazioni nella colonna di sinistra
  4. Trova la sezione “offerte”

Questo errore da solo potrebbe farti risparmiare centinaia se non migliaia di euro a lungo termine. Inoltre, sono necessari solo 5-10 minuti per apportare questa modifica all’interno della tua campagna.

Se sei interessato a elaborare strategie di marketing per accrescere il tuo business eccoti un mio articolo che ne esamina 10.

Errore comune n. 5: utilizzo di troppe parole chiave per gruppo di annunci

troppe-keywords

Quando utilizzi troppe parole chiave per gruppo di annunci, i tuoi annunci non possono essere sufficientemente specifici da ottenere una buona percentuale di click.

Ad esempio, torniamo all’esempio dei vinili.

Se dovessi raggruppare un gruppo di parole chiave correlate ai dischi di vinile in un gruppo di annunci, tutti questi ricerche verrebbero targetizzate con lo stesso set di annunci:

  • Recensioni di dischi di vinile
  • Dischi di vinile di alta qualità
  • Migliori dischi di vinile
  • Dischi di vinile da collezione

Invece, dovresti suddividerli in gruppi diversi e creare un nuovo testo pubblicitario per ciascuno.

In questo modo, puoi abbinare l’intento del ricercatore all’annuncio giusto, quindi portarlo alla pagina di destinazione giusta.

Errore comune n. 6: non utilizzare le Landing Pages

landing_pages

Cosa succede dopo che qualcuno clicca su uno dei tuoi annunci?

Molte persone indirizzano il traffico direttamente al loro sito o alla loro home page, ma spesso il problema è che questa pagina:

  • Non corrisponde esattamente a ciò che l’utente si aspettava dall’annuncio
  • Non è incentrato su un’azione specifica
  • Ha troppi elementi di distrazione

Ciò si traduce in un tasso di conversione molto basso… e costi elevati!

La soluzione? Landing Pages!

Una pagina di atterraggio ben focalizzata elimina le distrazioni e può aumentare drasticamente le conversioni!

Costruire una landing page non è più un compito difficile e non hai nemmeno bisogno di sapere come programmare o essere un mago della tecnologia.

Puoi utilizzare software come UnBounce, Instapage oppure anche WordPress se lo preferite per creare facilmente queste pagine specifiche.

Assicurati che ogni pagina di destinazione:

  • Corrisponda all’annuncio in esecuzione
  • Si concentri su una singola azione che l’utente deve eseguire
  • Sia semplice nel design

Le pagine di destinazione non dovrebbero essere fantasiose. Mantenetele semplice e otterrete conversioni molto più elevate!

Errore comune n. 7: coerenza tra parole chiave, annuncio e pagina di destinazione

scegliere-parole-chiave-advertising

Se non hai coerenza tra le tue parole chiave, gli annunci e le pagine di destinazione, le persone non cliccheranno sui tuoi annunci o rimbalzeranno immediatamente via dalla tua pagina di destinazione.

La maggior parte degli inserzionisti perde questo segno e costa loro più di quanto guadagnano.

Per verificare la coerenza della tua campagna, poniti queste tre domande:

  1. L’intento della parola chiave corrisponde a ciò che vendo?
  2. Le mie parole chiave sono incluse nel mio testo pubblicitario?
  3. Uso espressioni simili e le stesse parole chiave che utilizzo nel testo pubblicitario all’interno della mia pagina di destinazione?

Se hai detto “no” a qualcuna di queste, ti consiglio vivamente di entrare nella campagna e apportare modifiche il prima possibile.

Questo esercizio aiuterà a ridurre il CPC (costo per clic), aumentare la pertinenza e il CTR (percentuali di clic)!

Saresti sorpreso di come questo potrebbe trasformare la tua campagna da qualcosa di fallimentare ad essere una campagna estremamente redditizia.

Conclusione

Questi sono solo alcuni degli errori più comuni riscontrabili durante l’esecuzione di campagne Google Ads.

Risolvendoli, puoi spesso trasformare chi perde denaro in campagne vincenti, ma solo quando hai una strategia ben definita e multiforme.

LinkedIn
Facebook
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Full Stack Designer

Nasco con la passione per il Design e il web, fin da molto piccolo questo mondo mi ha sempre incuriosito sviluppando una professione che amo e che voglio condividere.

Gratuitamente

Rimani sempre aggiornato e impara ogni giorno!

Anche tu vuoi imparare a muoverti meglio sul mondo del web, marketing e design? Iscriviti e riceverai contenuti esclusivi.

Articoli correlati