E-mail marketing: 6 errori comunemente commessi nel tuo eCommerce

E-mail marketing: 6 errori comunemente commessi nel tuo eCommerce

Gratuitamente

Rimani sempre aggiornato e impara ogni giorno!

Anche tu vuoi imparare a muoverti meglio sul mondo del web, marketing e design? Iscriviti e riceverai contenuti esclusivi.

Nonostante la popolarità che riscontrano i social media negli ultimi anni, è innegabile l’importanza che l’e-mail marketing assume nel mercato digitale dell’eCommerce – affermazione supportata dal fatto che sono stati stimati circa 4 miliardi di account e-mail creati in tutto il mondo.

Immagine dell'interfaccia di e-mail Google Gmail.

Tuttavia, l’utilizzo delle e-mail per il tuo sito eCommerce può essere visto come una vera e propria lama a doppio taglio se la campagna di e-mail marketing non è ben organizzata. Il rischio di essere individuati come “Posta indesiderata” è particolarmente alto ed è certamente l’ultima delle volontà di chi possiede un sito di business online, oltre a rappresentare una potenziale perdita di fondi.

In questo articolo riassumerò le principali cattive pratiche da evitare per assicurare il successo del tuo investimento.

Oggetti poco curati e impersonali.

Ciò che allontana il consumatore e non cattura la sua attenzione sono, principalmente, oggetti delle e-mail lunghi e che non vanno dritti al punto. Per questo, l’oggetto della tua e-mail dovrebbe essere sempre corto e accattivante, evitando comunque frasi click-bait. È possibile sfruttare anche la possibilità dell’utente di vedere la prima frase dell’e-mail vera e propria, in cui potrebbe essere inserito direttamente il nome dell’iscritto, al fine di aumentare l’engagement dei tuoi clienti.

Processo complicato di iscrizione alla newsletter del tuo sito.

È cruciale per il successo del tuo marketing e-mail che l’iscrizione alla newsletter del tuo sito eCommerce o blog sia semplice da compilare e da trovare. Per questa ragione, è utile non soltanto creare una sezione apposita, ma introdurre anche pop-up, slide, che spieghino in maniera chiara quali sono i vantaggi dell’iscrizione. Ricorda: avere un pubblico ampio è fondamentale sia per la diffusione dei tuoi contenuti e del tuo eCommerce, sia per avere una base solida su cui svolgere eventuali sondaggi. Per un’ottima gestione della tua newletter esistono diversi strumenti, come Substack. Puoi leggere il mio articolo per più informazioni sul funzionamento ed eventuali guadagni che puoi ottenere.

Immagine del template di una newsletter.

Numero eccessivo di e-mail e contenuti pesanti che portano allo spam.

L’utente medio riceve almeno più di dieci e-mail al giorno nella propria casella di posta. Anche se affermare la propria presenza è utile per creare un legame con i tuoi iscritti, inviare troppe e-mail in brevi periodi di tempo può causare l’inattività di molti iscritti e conseguente individuazione della tua e-mail come “Spam”.

Per questa ragione è buona pratica controllare regolarmente quali sono gli utenti inattivi e valutare l’eventuale interruzione del tuo servizio verso di loro, insieme a scegliere delle tempistiche per l’invio della tua e-mail che non portino i tuoi iscritti a inserirla nella loro blacklist, facendo finire tutto ciò che proviene nel tuo dominio automaticamente nella loro casella di spam. In tal senso, è necessario che sia anche chiaramente indicata ai tuoi clienti l’opzione di annullamento dell’iscrizione.

Ma questo non è soltanto l’unico motivo che potrebbe portare i tuoi iscritti a segnalarti come “spam”. La scrittura di e-mail lunghe, con informazioni non necessarie e con contenuti d’immagini particolarmente pesanti potrebbero causare veri e propri malfunzionamenti che hanno come prima conseguenza una diminuzione d’interesse dei tuoi potenziali clienti.

Assenza di analisi e split-testing per comprendere quali sono i trend preferiti.

La struttura delle tue e-mail non è qualcosa di solido e predefinito sin dall’inizio. Il tuo pubblico è destinato a cambiare periodicamente, e con esso varia ciò che preferisce. Per questo è necessario sfruttare strumenti di analisi che consentono di osservare quanti utenti hanno cliccato su una determinata e-mail piuttosto che un’altra, insieme ad avviare dei veri e propri split-testing in cui hai modo di toccare con mano ciò che si preferisce, dividendo i tuoi iscritti in due gruppi e osservando quale delle due opzioni che proponi ha più successo. Per maggiori informazioni su come fare A/B testing, o split-testing, puoi consultare questo articolo che propone diversi strumenti e analisi da svolgere.

Immagine di persona che sta scrivendo e-mail marketing.

Mancato utilizzo dell’automatizzazione.

Sfruttare gli strumenti che consentano di automatizzare le proprie e-mail aiuta nell’organizzazione, soprattutto quando la mailing list di consumatori inizia a crescere. È fondamentale, infatti, sia per la puntuale distribuzione delle informazioni, che per assicurarsi di sfruttare sempre i migliori giorni e i migliori orari per aumentare il click-through rate e il customer engagement. Può tornarti utile sia per eventuali informazioni riguardo la vendita, sia per eventuali eventi, come ad esempio durante questo periodo del Black Friday. Se non lo hai ancora letto, consulta qui il mio articolo sulle statistiche e analisi del Black Friday per una migliore percentuale di vendite.

Contenuti incentrati sulle vendite e con call to action poco chiari.

Trovare nel proprio inbox 5 e-mail di seguito riguardo sconti e offerte può risultare pesante per i tuoi consumatori. Per questa ragione, cerca di limitare il tuo numero di e-mail a riguardo per concentrarti su quelle veramente significative e utili. Le tue e-mail devono avere anche valore informativo e di intrattenimento, per promuovere anche eventuali contenuti del tuo blog. Ciascuna e-mail, per questo motivo, deve avere un chiaro call-to-action: che sia un collegamento ipertestuale al tuo sito o al tuo blog, deve essere evidente al consumatore come raggiungerlo.

Avevi mai pensato all’utilizzo dell’e-mail marketing? Lo hai già implementato nel tuo sito eCommerce? Se non l’hai ancora fatto, valutalo, è una validissima opzione!

LinkedIn
Facebook
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Full Stack Designer

Nasco con la passione per il Design e il web, fin da molto piccolo questo mondo mi ha sempre incuriosito sviluppando una professione che amo e che voglio condividere.

Gratuitamente

Rimani sempre aggiornato e impara ogni giorno!

Anche tu vuoi imparare a muoverti meglio sul mondo del web, marketing e design? Iscriviti e riceverai contenuti esclusivi.

Articoli correlati

Rimani sempre aggiornato

Impara ogni giorno!

Riceverai via email nuovi articoli e informazioni per lanciare o migliorare la tua attività online in modo completamente gratuito!