5 strategie di email marketing che devi assolutamente provare!

email marketing guida

Gratuitamente

Rimani sempre aggiornato e impara ogni giorno!

Anche tu vuoi imparare a muoverti meglio sul mondo del web, marketing e design? Iscriviti e riceverai contenuti esclusivi.

L’Email Marketing è l’insieme di strategie e tattiche atte a creare e distribuire comunicazioni di varia natura via email, in particolare modo informazioni e aggiornamenti di natura promozionale. L’obiettivo è quello di implementare le relazioni tra brand e audience e aumentare le vendite.

Ogni giorno vengono inviate oltre 290 miliardi di email .

Si prevede che questa cifra aumenterà a 347 miliardi di email giornaliere entro la fine del 2023.

Le strategie di email marketing sono cambiate nel corso degli anni.

Quello che ha funzionato cinque anni fa, ora non funziona più.

Ma è ancora un fattore chiave per qualsiasi strategia di marketing.

In effetti, per i migliori operatori di marketing online, l’email marketing è il loro canale di marketing di riferimento. Perché?

Perché porta a risultati e offre il miglior ROI di marketing.

L’email marketing supera tutte le strategie di marketing online, inclusi SEO, PPC e content marketing!

L’email marketing è un aspetto importante in qualsiasi strategia di marketing. L’email è il modo più economico per promuovere i tuoi prodotti, comunicare con i tuoi clienti e raggiungere i tuoi obiettivi di business.

E in media, per ogni dollaro speso per l’email marketing, puoi aspettarti un ritorno di 51 dollari (fino all’anno scorso si parlava di un ritorno di 39 dollari).

Non male, vero?

In questo articolo condividerò le migliori strategie di email marketing che puoi utilizzare per ottenere risultati straordinari.

Se segui queste strategie di email marketing, l’email diventerà anche il tuo canale più importante!

Scopriamo subito le 5 strategie che ti permetteranno di dare vita a ottime campagne di email marketing

1. Personalizza i tuoi messaggi

Quando parliamo di email marketing personalizzato, non intendiamo inviare un’email individuale a ogni singolo iscritto. Personalizzazione significa che utilizzi i dati dei clienti per creare un messaggio ad hoc.

Un ottimo esempio di azienda che se la cava bene con la personalizzazione dei messaggi è Amazon .

Tutte le email di Amazon sono personalizzate.

Non è “Caro stimato cliente”, ma “Caro Stefano”.

Non è “potrebbero piacerti questi … (generati casualmente)”, ma “potrebbero piacerti questi… (in base alla mia cronologia degli acquisti)”.

Per Amazon, l’email marketing non è solo un altro canale di marketing. È un aspetto fondamentale per l’ esperienza generale del cliente .

Jeff Bezos, CEO di Amazon, è un genio della posta elettronica. Jeff Bezos comprende il valore delle email ed è noto per leggere i reclami dei clienti . È anche il motivo per cui oltre il 35% di tutte le vendite di prodotti proviene da consigli (sia via email che durante la navigazione sul sito).

E non è solo Amazon che ha riscontrato questo tipo di risultati attraverso la personalizzazione.

Uno studio di Experian ha scoperto che le email personalizzate offrono tassi di transazione 6 volte superiori!

Esponiamo la questione in numeri che tutti possiamo capire.

Una recente ricerca ha rilevato che l’email marketing genera  0,08 dollari di entrate per email.

Potrebbe non sembrare molto ma se metti in piedi una campagna email rivolta a 500.000 iscritti, puoi generare fino a 40.000 dollari di entrate.

È una buona somma come entrata extra!

Ma se utilizzi la personalizzazione nelle tue email, puoi aspettarti molto di più!

Secondo un’altra ricerca la personalizzazione può generare 20 dollari di ROI per ogni dollaro investito.

Che te ne pare come opportunità di guadagno?

E non ti ho detto ancora la parte migliore: il 70% circa dei Brand non utilizza la personalizzazione nella propria strategia di email marketing.

Ciò significa che personalizzando le tue email ti distinguerai dalla concorrenza.

La forma più semplice di personalizzazione è rivolgersi al lettore per nome. La maggior parte dei provider di servizi di posta elettronica (ESP) lo offre all’interno delle proprie funzionalità e questa tattica da sola migliorerà le prestazioni della campagna.

Ad esempio, le righe dell’oggetto delle email personalizzate con il nome di un destinatario possono aumentare i tassi di apertura del 16% in più.

Considerando che il 47% di tutte le email vengono aperte solo a causa della riga dell’oggetto, questo è un modo sicuro per ottenere più occhi puntati sulla tua email.

Oltre a utilizzare il nome del cliente, ecco alcuni altri suggerimenti per aiutarti a curare la personalizzazione:

  • Richiedi le informazioni giuste fin dal principio: la vera personalizzazione incomincia molto prima di poter arrivare a premer il pulsante “Invia”. Tutto inizia con il tuo modulo di iscrizione. Senza dati come: nome, azienda e posizione, sarai molto limitato nel poter mettere in atto una comunicazione personalizzata. Ricordati di chiedere solo le informazioni di cui hai bisogno, piuttosto che le informazioni che desideri. Questo è uno dei modi in cui il GDPR ha avuto un impatto sui team di marketing .
  • Usa un vero indirizzo email di risposta: quando usi [email protected] , si toglie l’autenticità alla messaggistica. Vuoi che i tuoi lettori si impegnino e rispondano alle tue campagne. Utilizzare un indirizzo reale migliorerà la tua credibilità e apparirà anche più personale.
  • Usa la tua vera firma email: proprio come quando usi un vero indirizzo email di risposta, desideri utilizzare informazioni di contatto reali all’interno dell’email e il modo migliore per farlo è includere i tuoi dettagli di contatto nella firma email. Dare ai tuoi lettori l’opportunità di contattarti o connettersi con te online è un ottimo modo per essere personale e costruire un rapporto con loro .

2. Segmenta i tuoi iscritti

email marketing: Segmenta i tuoi iscritti

Secondo gli email marketer, quest’anno la segmentazione è al secondo posto nell’elenco delle migliori iniziative.

Sai perché è così in alto?

È perché quando segmenti il tuo database, le tue campagne email diventano molto più mirate per il tuo pubblico.

Diamo un’occhiata a questo esempio.

Stai ospitando un evento di networking per i proprietari di piccole imprese situate in un raggio di 20 chilometri.

Come puoi aspettarti di ottenere i migliori risultati possibili per il tuo evento?

La risposta è: segmentazione.

Il modo migliore per convincere i proprietari di piccole imprese a presentarsi al tuo evento sarebbe creare un segmento di persone che si definiscono come piccoli imprenditori che vivono in un raggio di 20 chilometri dal tuo evento, e quindi inviare loro un invito via email.

La parte della segmentazione è semplice e può essere eseguita facilmente tramite il software CRM .

Confronta questo con l’invio di un’email rivolta all’intero database, con iscritti sparsi in tutto il Paese (o area geografica maggiore).

Quanto è fastidioso ricevere un’email che ti invita a un evento che si trova dall’altra parte del mondo?

Prima di iniziare a segmentare il database, pensiamo a quanto può essere utile.

Uno studio di HubSpot ha rilevato che tutti i KPI di email marketing hanno un rendimento migliore quando segmenti la tua lista di iscritti.

Se segmenti le tue liste, ottieni migliori tassi di apertura , maggiori entrate, lead, transazioni e più clienti.

Un altro vantaggio è che la segmentazione va di pari passo con il GDPR e l’email marketing .

Ma funziona veramente?

Sì!

Ecco un esempio su una campagne di email marketing.

Di recente sono state comparate due campagne di email marketing. Entrambe le campagne avevano lo stesso oggetto e lo stesso contenuto.

La prima campagna è stata inviata a una lista di posta elettronica non segmentata, mentre la seconda è stata inviata a una lista segmentata (segmentata per interesse).

La prima email (non segmentata) ha ottenuto comunque un elevato tasso di apertura: il 42%, e una percentuale di click del 4,5%.

Ma la seconda email (segmentata) ha ottenuto un tasso di apertura del 94% e una percentuale di click del 38%!

Direi che è piuttosto rilevante, vero?

Ed è forse per questo che così tanti professionisti del marketing stanno segmentando le loro email, giusto?

Sbagliato. Poiché 9 su 10 operatori di email marketing non segmentano il proprio database.

Quindi, ecco alcuni esempi per avviare una buona segmentazione:

  • Segmenta per settore. Offrite servizi e prodotti ad aziende o consumatori? Conoscere il settore dei tuoi iscritti è un ottimo modo per segmentare le tue campagne email. Ad esempio, se ti rivolgi ad un’azienda che si occupa di commercializzare ricambi per auto si interesserebbe in maniera molto più significativa alle tue campagne email se riguardano prodotti per auto, rispetto a quanto farebbe un’azienda che vende software.
  • Segmenta in base alle dimensioni dell’azienda. Questa segmentazione è nota anche come marketing basato sull’account. La segmentazione delle campagne email in base alle dimensioni dell’azienda o alle entrate annuali è un ottimo modo per aumentare i tassi di risposta. Una piccola impresa che impiega 5 persone probabilmente non è pronta per la più grande conferenza di settore dell’anno, mentre un’azienda che impiega 750 persone potrebbe essere più adatta.
  • Segmenta per ciclo di vendita. I potenziali acquirenti che ti hanno appena conosciuto non saranno pronti per una presentazione di vendita aggressiva o una dimostrazione individuale, ma apprezzeranno di più ricevere un white paper di ricerca del settore. All’altra estremità del ciclo, gli acquirenti pronti all’acquisto risponderanno meglio ai webinar sui prodotti o alle offerte di prova gratuite.

3. Invia email ottimizzate per dispositivi mobili

email marketing: Invia email ottimizzate per dispositivi mobili

Nel 2012, il 27% di tutte le email di marketing sono state aperte su un dispositivo mobile.

Nel 2014, questo numero è salito al 42%.

Ora siamo arrivati al 61%,un numero enorme!

E cosa fai non appena ti svegli la mattina?

Se sei come me, immagino che tu abbia il telefono accanto al tuo letto e la prima cosa che fai ogni mattina è controllare chiamate, messaggi e sì, hai indovinato, email!

Non preoccuparti, non sei l’unico. Il 50% di noi lo fa .

Quando invii un’email a un iscritto che legge le sue email sul proprio dispositivo mobile, ma l’email non è ottimizzata per quel dispositivo, cosa pensi che facciano?

Per lo più si disiscriveranno o lo cancelleranno.

Allora perché quasi la metà di tutte le email non è ancora ottimizzata per i dispositivi mobili?

Peggio ancora, una ricerca di email marketing ha rilevato che il 20% delle campagne email non è ottimizzato per i dispositivi mobili.

Tuttavia, all’opposto, quando le campagne email sono ottimizzate per i dispositivi mobili, possono generare molte entrate!

Il ricavo medio per email mobile è di 0,40 dollari che è più di 4 volte quello di un click su email desktop, secondo Yesmail.

Le entrate per email su dispositivi mobili sono 4 volte superiori a quelle per desktop

E il 55% degli utenti di smartphone ha effettuato almeno un acquisto dopo aver ricevuto un’email promozionale mobile.

Inoltre, uno studio di Flexmail ha rilevato che il 36% delle aziende B2B che hanno ottimizzato le proprie campagne di posta elettronica per i dispositivi mobili ha riscontrato un miglioramento complessivo delle prestazioni di posta elettronica.

Quindi, ora la domanda è: come ottimizzi le tue campagne per dispositivi mobili?

Ti do io alcuni suggerimenti su come farlo.

  • Implementare il responsive email design (RED). Creare un responsive email design significa dare vita a un’esperienza utente ottimizzata indipendentemente dal dispositivo o dallo schermo che si sta utilizzando. La maggior parte dei provider di servizi di posta elettronica (ESP) offre questa soluzione all’interno della propria funzionalità di posta elettronica
  • Mantieni la riga dell’oggetto e l’intestazione breve. La riga dell’oggetto è cruciale. Sii breve in modo che il lettore sappia esattamente di cosa tratta l’email. E il testo pre-intestazione (noto anche come snippet text), non lo sprecare utilizzando frasi standard come “Per visualizzare questa email nel tuo browser …”. Invece, riassumi l’email o includi un invito all’azione (CTA)
  • Rendi il CTA visivamente importante: le dimensioni del dispositivo mobile variano. Sebbene un collegamento di testo possa funzionare su un tablet o uno schermo più grande, potresti escludere i tuoi lettori che hanno uno schermo più piccolo se il tuo invito all’azione è troppo piccolo. Per cui mantieni l’invito all’azione, grande, evidente e comodo da cliccare

4. Copia di prova, design e pulsanti

Copia di prova, design e pulsanti

Sia che tu ti occupi di testare la tua home page, delle landing page o dei template di email, i test ti forniscono i dati necessari per prendere decisioni pratiche che miglioreranno le prestazioni a livello di marketing.

E l’email marketing non fa eccezione.

La maggior parte dei professionisti del marketing ha effettuato test A/B sulle proprie campagne email.

Se dovessi indovinare, direi che hai testato la riga dell’oggetto dell’email, giusto?

Anche l’ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha fatto test A/B sul campo “oggetto” per una campagna di posta elettronica.

Pensi che stia scherzando?

L’email marketing ha giocato un ruolo fondamentale nel successo della campagna presidenziale del 2012 di Obama.

Inviando diverse variazioni apportate alla riga dell’oggetto a un piccolo campione di iscritti, sono stati in grado di calcolare l’importo in donazioni che potevano aspettarsi di ricevere in base ai risultati.

La dimensione del campione ha rivelato che la riga dell’oggetto con le prestazioni più scadenti (“The one thing the polls got right…“), se inviata all’intero database, avrebbe generato 403.603 dollari di donazioni.

La riga dell’oggetto con la migliore performance (“I will be outspent“) avrebbe dovuto generare 2.540.866 dollari in donazioni.

C’è un divario enorme!

In effetti, la riga dell’oggetto con le migliori prestazioni ha superato le aspettative e ha generato un totale di 2.673.278 dollari.

Quindi 2,2 milioni di dollari in donazioni raccolte grazie a una modifica nella riga dell’oggetto delle email!

Ma non sono solo le righe dell’oggetto che puoi testare tramite l’email marketing.

Puoi anche testare:

  • Indirizzo mittente. Il nome che appare nel campo “mittente” ha un enorme impatto sul fatto che il lettore apra la tua email. In effetti, il nome del mittente è il motivo principale per cui le persone aprono la tua email. Metti alla prova il tuo indirizzo di provenienza inviando le tue campagne dal nome da un nominativo del tipo “persona + azienda” o dal tuo CEO
  • Campagne di testo normale e HTML. Come la maggior parte dei professionisti del marketing, sono sicuro che stai già inviando una versione di testo semplice della tua email. Tuttavia, hai pensato di testare una campagna email che è solo testo semplice? E quando aggiungi un elemento di personalizzazione, le email di testo sembrano essere scritte apposta per il lettore
  • E-mail lunghe e brevi. Puoi mantenere le tue email brevi e piacevoli oppure puoi creare email lunghe e dettagliate. Le email di lunga durata possono includere una copia più dettagliata, mentre le email più brevi invieranno il lettore direttamente a una pagina di destinazione mirata. Il modo migliore per vedere cosa funziona meglio? Provare.

5. Automatizza le campagne di posta elettronica quando possibile

Automatizza le campagne di posta elettronica quando possibile

Le email basate su trigger sono email che vengono inviate automaticamente in base al comportamento dell’utente.

Le forme più comuni di email trigger sono le email di benvenuto e di ringraziamento, come l’email di conferma dell’ordine e le ricevute di posta elettronica.

I dati alla base delle email trigger ci mostrano che le queste email hanno prestazioni molto migliori rispetto alle email tradizionali.

Ad esempio, Epsilon ha scoperto che :

  • I tassi di apertura per le email trigger raggiungono il 49% (95% in più rispetto ai tassi di apertura delle email tradizionali)
  • La percentuale di click (CTR) media per le email trigger è più del doppio della percentuale rispetto alle percentuali di click delle email tradizionali
  • I migliori siti web di conversione al mondo, siti che convertono fino al 40% del loro traffico, utilizzano email trigger.

E non solo, la ricerca di Forrester  ha evidenziato che le campagne di email marketing basate su trigger possono generare entrate 4 volte maggiori e profitti 18 volte maggiori!

Sembra troppo bello per essere vero?

Ma è così: sono stati fatti test e funziona!

Oggi, solo il 20% dei professionisti del marketing utilizza attualmente email trigger e costituiscono una bassa percentuale del volume totale di email, intorno al 2,6%. Tuttavia, possono essere responsabili fino al 20% delle entrate dell’email marketing!

Le email trigger funzionano davvero bene perché colpiscono il punto debole dell’email marketing.

Considera il seguente scenario.

Visiti un sito web, esplori la linea di prodotti e aggiungi articoli al carrello ma inizi ad avere dubbi e decidi di andartene prima di completare l’acquisto.

Ti è mai capitato?

Beh, questo accade a ogni singolo negozio di e-commerce, ogni singolo giorno.

Ma cosa succede se, un’ora dopo, ricevi un’email che include il prodotto esatto che stavi acquistando?

E se questa email includesse non solo un collegamento rapido al tuo carrello, ma un codice di spedizione gratuita o uno sconto del 10%?

Magari così è più probabile che completi l’acquisto, vero?

Questo è il potere delle email trigger.

Ma l’impostazione di email trigger è costosa e complessa, non è vero?

Non deve essere per forza vero. Puoi iniziare utilizzando i risponditori automatici del software del servizio clienti per replicare l’aspetto dell’automazione. 

Di seguito sono riportati alcuni esempi di messaggi di attivazione che puoi inviare.

  • Attivazione. Un nuovo utente crea un account ma non utilizza il prodotto entro i primi 7 giorni. Crea una campagna di “attivazione” che invii un’email automatica con le informazioni di accesso, i passaggi su come iniziare e includi una dimostrazione video per ulteriore supporto. Puoi anche invitarli a una riunione individuale per guidarli attraverso il prodotto e rispondere a qualsiasi domanda possano avere
  • Recupero. Un cliente esistente si avvicina alla fine del suo abbonamento annuale. Il cliente non usa il tuo prodotto da 3 mesi e hai bisogno di un modo per riconquistarlo e conservarlo per un altro anno. Creare un’email di “riconquista” che invii un’email automatica a tutti i clienti che stanno per giungere alla scadenza del contratto con un elenco di nuove funzionalità del prodotto e un breve piano sulle versioni previste nei prossimi sei mesi
  • Sorpresa. La fedeltà del cliente è la chiave del successo. E puoi premiare i tuoi clienti fedeli dando loro qualcosa di gratuito ogni tanto. Crea un’email automatica a sorpresa per i tuoi migliori clienti che offre loro una licenza annuale gratuita per il tuo software, una carta regalo o persino un codice coupon per riscattare un prodotto gratuitamente. È un piccolo costo accessorio per la tua attività ma ne vale la pena!

Conclusioni

L’email marketing continua a dare risultati.

Ma l’email marketing si è evoluto. Non è più una cosa semplice come inviare la stessa identica email a tutti i contatti.

È ora di aggiornare la tua strategia di email marketing.

Ora devi inviare messaggi mirati. Messaggi personalizzati e ottimizzati per più dispositivi.

È inoltre necessario testare nuovi elementi. Le tendenze cambiano rapidamente e ciò che ha funzionato 12 mesi fa potrebbe non avere successo oggi. Sii aperto a test. E quando capisci cosa funziona, trova i modi per automatizzarlo tramite email attivate.

Se implementi queste nuove modifiche nella tua strategia di email marketing, i tuoi clienti saranno più reattivi, le prestazioni della tua campagna miglioreranno e la tua attività continuerà a crescere.

Cosa pensi che renda vincente una moderna strategia di email marketing?

Fammelo sapere lasciando un breve commento qui sotto.

LinkedIn
Facebook
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Full Stack Designer

Nasco con la passione per il Design e il web, fin da molto piccolo questo mondo mi ha sempre incuriosito sviluppando una professione che amo e che voglio condividere.

Gratuitamente

Rimani sempre aggiornato e impara ogni giorno!

Anche tu vuoi imparare a muoverti meglio sul mondo del web, marketing e design? Iscriviti e riceverai contenuti esclusivi.

Articoli correlati